Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    L'AIDS non è una malattia infettiva!

    Condividi
    avatar
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 70
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    L'AIDS non è una malattia infettiva!

    Messaggio Da pinodd il Mar 16 Dic 2008, 21:51

    L'AIDS è causato dall'uso di droghe e da altri fattori di rischio non contagiosi. Di Peter Duesberg

    Abstract
    L'ipotesi che il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) sia un nuovo virus sessualmente trasmesso che causi l'AIDS è stata del tutto improduttiva in termini di utilità per la salute pubblica, inoltre non riesce a prevedere l'epidemiologia dell'AIDS, il rischio annuo di AIDS e le molte diverse manifestazioni delle malattie indicatrici di AIDS nelle persone contagiate.
    Un'ipotesi corretta deve spiegare perché:

    l'AIDS comprende 25 malattie già precedentemente conosciute e due epidemie clinicamente ed epidemiologicamente molto diverse, una in America ed in Europa e l'altra in Africa;
    quasi tutti i pazienti affetti da AIDS americani (90%) ed europei (86%) sono maschi sopra i 20 anni, mentre l'AIDS africano colpisce ugualmente entrambi i sessi;
    i rischi annui di AIDS dei bambini contagiati, dei consumatori di droga per via endovenosa, degli omosessuali che usano afrodisiaci, degli emofiliaci e degli africani variano fino ad oltre 100 fold;
    molti pazienti affetti da AIDS hanno malattie che non dipendono da immunodeficienza, come il sarcoma di Kaposi, il linfoma, la demenza e il deperimento;
    le malattie indicatrici di AIDS degli americani (97%) e degli europei (87%) sono predeterminate da rischi per la salute preesistenti, tra cui l'uso prolungato di sostanze stupefacenti, il farmaco antivirale AZT e deficienze congenite come l'emofilia, mentre quelle africane sono malattie tipiche dell'Africa.
    Sia le prove positive che quelle negative mostrano che l'AIDS non è infettivo:

    l'ipotesi del virus non soddisfa nessun criterio convenzionale di causalità;
    le differenze, con valori di oltre 100 fold, tra i diversi rischi di AIDS nei diversi gruppi a rischio mostrano che l'HIV non è sufficiente a causare l'AIDS;
    l'AIDS è "acquisito", se lo è, solo dopo anni che l'HIV è stato neutralizzato dagli anticorpi;
    l'AIDS è nuovo, mentre l'HIV è un retrovirus stabilitosi da tempo, trasmesso per via perinatale;
    spiegazioni alternative tolgono credibilità a tutte le supposizioni e a tutti i casi aneddotici citati a supporto dell'ipotesi del virus;
    tutte le malattie che definiscono l'AIDS si manifestano negli stessi gruppi a rischio con la stessa incidenza anche in assenza di HIV;
    non c'è nessun microbo attivo comune a tutti i pazienti affetti da AIDS;
    l'AIDS si manifesta in malattie imprevedibili e non correlate; e
    In Europa e in America non si distribuisce ugualmente tra sessi.
    Sulla base di numerosi dati che documentano come le droghe siano necessarie agli HIV-positivi e sufficienti agli HIV-negativi per sviluppare le malanie indicatrici di AIDS, si suggerisce che tutte le malattie indicatrici di AIDS americano- europeo. che superano il loro normale background, siano causate da farmaci anti-HIV e da stupefacenti. L'AIDS africano si suggerisce sia causato da malnutrizione da ipoapporto proteico, scarsa igiene e conseguenti infezioni parassitarie. Questa ipotesi risolve tutti i paradossi dell'ipotesi virale dell'ADS. E' epidemiologicamente e sperimentalmente verificabile ed offre una base razionale per il controllo dell'AIDS.

    "È troppo tardi per correggere" disse la Regina Rossa "Una volta che hai detto una cosa, questo la fissa, e devi sopportarne le conseguenze".
    Lewis Carrol, "Alice nello specchio"



    INDICE

    1.- L'ipotesi virale dell'AIDS non riesce a prevedere l'epidemiologia e la patologia delI'AIDS

    2.- Definizione di AIDS

    2.1.- Due epidemie, subepidemie e 25 malattie specifiche delle epidemie

    2.1.1.- Le epidemie attraverso il numero dei casi, il sesso e l'età
    2.1.2.- Malattie che definiscono l'AIDS
    2.1.3.- Gruppi a rischio di AIDS e malattie indicatrici di AIDS specifiche dei gruppi a rischio

    2.2.- L'ipotesi dell'AIDS da HIV, o la definizione di AIDS

    2.3.- Teorie alternative dell'AIDS infettivo

    3.- Discrepanze tra AIDS e malattia infettiva

    3.1.- Criteri di malattia infettiva e non infettiva

    3.2.- L'AIDS non è compatibile con la nozione di malattia infettiva

    3.3.- Nessuna prova per l'ipotesi virale dell'AIDS

    3.3.1.- L'ipotesi del virus non riesce a soddisfare i postulati di Koch
    3.3.2.- L'immunità all'HIV non protegge dall'AIDS
    3.3.3.- I farmaci antivirali non proteggono dall'AIDS
    3.3.4.- Tutte le malattie che definiscono l'AIDS si manifestano anche in assenza di HIV

    3.4 - Non correlazione tra HIV e AIDS

    3.4.1.- Solo circa la metà dei casi americani di AIDS sono confermati HIV- anticorpo positivi
    3.4.2.- AIDS anti corpo-positivo ma virus-negativo
    3.4.3.- HIV: solo uno dei tanti innocui indicatori microbici dei rischi clinici e comportamentali di AIDS
    3.4.4.- I rischi annui di AIDS dei diversi gruppi a rischio di contagiati dall'HIV, tra cui bambini, omosessuali, tossicodipendenti, emofiliaci e africani, variano di oltre cento volte
    3.4.5.- Malattie specifiche dell'AIDS predeterminate da rischi per la salute preesistenti

    3.5. - Supposizioni e casi aneddotici che sembrano confermare l'ipotesi virale dell'AIDS

    3.5.1. - L'HIV è ritenuto nuovo perché l'AIDS è nuovo
    3.5.2. - L'HIV - ritenuto essere sessualmente trasmesso - dipende, per la sopravvivenza, dalla trasmissione per via perinatale
    3.5.3. - AIDS ritenuto proporzionale all'infezione da HIV
    3.5.4. - Si ritiene che l'AIDS in U.S.A. ed Europa sia trasmesso per via omosessuale
    3.5.5. - Si ritiene che l'AIDS sia eterosessualmente trasmesso per "lo stile di vita" africano
    3.5.6. - Si afferma che l'HIV sia sovrabbondante nei casi di AIDS
    3.5.7. - L'HIV dipenderebbe da cofattori per causare l'AIDS
    3.5.8. - Tutte le malattie indicatrici di AIDS risulterebbero dall'immunodeficienza
    3.5.9. - L'HIV indurrebbe l'AIDS tramite autoimmunità e apoptosi
    3.5.10. - Si ritiene che l'HIV uccida le cellule T
    3.5.11. - Si ritiene che gli anticorpi non neutralizzino l'HIV
    3.5.12. - Si afferma che l'HIV causi l'AIDS nel 50% dei casi entro 10 anni
    3.5.13. - Si dice che l'HIV derivi la sua patogenicità dalla costante mutazione
    3.5.14. - Si afferma che l'HIV causi l'AIDS con geni unici tra i retrovirus
    3.5.15. - I retrovirus delle scimmie proverebbero che l'HIV causa l'AIDS
    3.5.16. - Casi aneddotici di AIDS nella popolazione generale

    3.6. - Conseguenze dell 'ipotesi virale dell 'AI DS

    4.- L'ipotesi dell'AIDS dovuto alle droghe

    4.1. - Coincidenza cronologica tra diffusione della droga e diffusione dell 'AIDS

    4.2. - Sovrapposizione tra le statistiche sull'uso di droga e sull'AIDS

    4.3. - Consumo di droga nei gruppi a rischio di AIDS

    4.3.1. - Dai consumatori di droga per via endovenosa proviene un terzo di tutti i pazienti affetti da AIDS
    4.3.2. - Dagli omosessuali consumatori di droghe afrodisiache proviene circa il 60% dei pazienti affetti da AIDS
    4.3.3. - Dai sieropositivi asintomatici che assumono AZT proviene una percentuale non conosciuta di pazienti affetti da AIDS

    4.4. - Il consumo di droga è necessario per I 'AIDS negli HIV-positivi

    4.4.1. - AIDS da stupefacenti
    4.4.2. - L'AIDS da AZT e da AZT associato all'uso di stupefacenti

    4.5.- L'uso di droga è sufficiente per le malattie indicatrici di AIDS in assenza di HIV

    4.5.1. Le droghe usate per le attività sessuali sono sufficienti per le malattie indicatrici di AIDS
    4.5.2. Il consumo a lungo termine di droghe per via endovenosa è sufficiente per le malattie che definiscono l'AIDS

    4.6. Effetti tossici delle droghe usate dai pazienti affetti da AIDS

    4.6.1. Tossicità degli stupefacenti
    4.6.2. Tossicità dell'AZT

    4.7.- L'ipotesi dell'AIDS dovuto alle droghe prevede correttamente l'epidemiologia e l'eterogenea patologia dell 'AIDS

    4.8.- Conseguenze dell'ipotesi dell'AIDS dovuto alle droghe: prevenzione e terapie specifiche del rischio ma risentimento da parte dell"'establishment" dell 'AIDS da virus

    5. - Le droghe ed altri fattori di rischio non contagiosi risolvono tutti i paradossi dell'ipotesi virale dell'AIDS

    6.- Perché la scienza dell'AIDS ha sbagliato?

    6.1.- L'eredità della fortunata teoria dei germi: una tendenza contraria ai patogeni non infettivi

    6.2. - Grandi fondi e limitata competenza paralizzano la ricerca sull 'AIDS

    Note aggiuntive

    Continua al link: http://scienzamarcia.altervista.org/pdnoi0.htm

      La data/ora di oggi è Dom 27 Mag 2018, 12:46