Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    Il metodo Bates (2)

    Condividi
    avatar
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 70
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Il metodo Bates (2)

    Messaggio Da pinodd il Mar 12 Mag 2009, 21:32

    TRE PRINCIPI
    Il metodo Bates è fondato su tre principi:
    l il movimento
    l la centralizzazione
    l il rilassamento
    In base al primo principio, il dottor Bates ha notato che gli occhi di chi ha problemi visivi si muovono meno rispetto a quelli di chi ha una vista normale.
    Chi non vede bene sembra cercare costantemente un ambiente sicuro dove le cose cambino poco e le attività non siano intense.
    Questo atteggiamento crea una visione del mondo estremamente rigida: si cerca di fermare la realtà e gli occhiali, limitando i movimenti degli occhi, non farebbero che peggiorare la situazione.
    DA VICINO
    Una delle conseguenze dell'abitudine di fissare, tipica di chi ha problemi visivi, è quella di allargare la percezione visiva, a scapito dell'acutezza.
    Guardando, per esempio, il viso di una persona, chi ha una vista naturale saprà esplorare il volto e mettere a fuoco una miriade di particolari, che il cervello ricostruirà poi in un'immagine nitida (meccanismo della centralizzazione).
    Chi fissa lo sguardo, invece, cercherà con ansia di vedere tutto il viso ugualmente bene, ma, poichè è impossibile, sfocherà lo sguardo e vedrà peggio.
    Non solo: questo meccanismo chiamato da Bates "diffusione" in contrapposizione a quello corretto che è la centralizzazione, se protratto negli anni indurrà progressivamente la perdita della capacità di concentrare l'attenzione nel centro del proprio campo visivo che corrisponde alla fovea, la parte più sensibili della retina. Affinché si possa mettere in atto il meccanismo della centralizzazione, quindi, gli occhi si devono muovere e non rimanere fissi.
    Chi ha problemi visivi quando non si muove resta rigido e se prova a rilassarsi ha qualche difficoltà. Il rilassamento, però, è importante perchè migliora la vista e induce, attraverso il movimento e il meccanismo della centralizzazione che impedisce allo sguardo di rimanere fisso, un netto cambiamento del modo di vedere il mondo.
    UN VALIDO AIUTO
    Il metodo Bates non ha controindicazioni, in quanto si basa su esercizi finalizzati ad allenare i muscoli degli occhi che hanno perso la loro elasticità. Tuttavia, affinché il metodo funzioni, è importante non avere fretta.
    Una buona visione si recupera, infatti, in modo graduale, con pazienza e svolgendo con costanza gli esercizi.
    Il metodo Bates è indicato nei disturbi visivi dovuti a un'alterazione dell'elasticità dei muscoli, come per esempio nella miopia o nell'astigmatismo. Non ha la presunzione di sostituire alcuna cura medica, ma piuttosto può essere un valido complemento alla cura stessa.
    9 ESERCIZI PER VEDERCI MEGLIO
    1 - Delineare i contorni
    Si tratta di un costante movimento degli occhi, insieme con il collo, che va eseguito immaginando di avere una matita magica o un naso allungabile, come quello di Pinocchio, che termina con una punta di matita. Gli occhi seguono esattamente il punto toccato dalla punta della matita magica, delineando così l'intero contorno dell'oggetto o della persona.
    Aiuta a vedere in modo nitido in maniera graduale.
    2 - Lo shifting
    Si esegue pensando di avere una piuma che accarezza le cose senza poterle afferrare perchè scivolano (shift). Per esempio, si può pensare di accarezzare gli alberi senza afferrarli, immaginando che questi si spostino e scivolino in direzione opposta al movimento.
    Si può svolgere anche durante la lettura, immaginando che la pagina si muova in direzione opposta al movimento degli occhi e della testa. E' ideale per rilassare gli occhi nel movimento.
    3 - Oscillazioni ampie e visione soffice
    Consiste nello stare in piedi e nel compiere con il corpo ampie oscillazioni a destra e sinistra, con la consapevolezza delle cose o delle persone che scorrono da entrambi i lati.
    Assieme al corpo si devono muovere anche la testa e gli occhi. E' utile per imparare a non fissare lo sguardo e a non esercitare sempre il controllo sulle cose.
    4 - Lo yoga degli occhi
    Consiste nel muovere gli occhi in su, in giù, al centro, a destra e a sinistra, poi di nuovo in centro, quindi in modo obliquo, in alto e in basso, a sinistra e a destra, tutto il giro in senso orario e antiorario e rilassare. Tonifica i muscoli degli occhi.
    5 - Il sunning
    Vuol dire prendere il sole sulla fronte e sulla nuca con gli occhi chiusi, per circa 5 minuti. In pratica bisogna esporsi al sole senza rimanere fermi, ma muovendo sempre la testa. La luce, mediante gli stimoli che invia alla retina, serve ad attivare la funzionalità dell'asse ipotalamo-ipofisario, cioè del sistema endocrino, nervoso e di difesa. Alternare 20 esercizi di sunning e 10 di palming.
    6 - Lettura a distanza ravvicinata
    Consiste nel leggere piccoli caratteri, stampati con un corpo in genere di 2,5 e alla fine di ogni pagina, nell'alzare lo sguardo. E' indicata per chi ha bisogno di rilassare i muscoli degli occhi.
    7 - Le pietruzze
    Consiste nell'osservare due pietruzze spostando lo sguardo da una all'altra, considerando che quella messa a fuoco si vede meglio dell'altra. Cominciare ponendole a una distanza di circa 10 centimetri l'una dall'altra, quindi avvicinarle fino a quando non si toccano, conservando tuttavia la capacità di vedere meglio quella che si sta osservando. E' importante che lo sguardo sia tenuto in movimento, come se si disegnassero i particolari che si registrano con gli occhi, mentre si osserva ogni singola pietruzza. E' utile per sviluppare la visione centralizzata.
    8 - Il palming
    Si esegue sedendosi, inclinandosi in avanti, appoggiando i gomiti su un tavolo, chiudendo gli occhi e coprendoli con il palmo delle mani, mentre le dita si incroceranno sulla fronte. Per una buona riuscita è bene sgomberare la mente da ogni pensiero. Serve a sciogliere le tensioni e quindi a rilassare i muscoli degli occhi.
    9 - Battere le palpebre
    E' un meccanismo di scarico delle tensioni e di automassaggio dell'occhio. In più, mantiene in buona salute la cornea.
    La miopia
    E' un vizio di rifrazione dovuto a un anomalo allungamento del bulbo oculare: le immagini degli oggetti distanti vengono messe a fuoco anteriormente alla retina per cui appaiono sfuocate, la visione degli oggetti vicini invece rimane buona
    SECONDO IL METODO BATES
    Il miope è una persona insicura, che ha paura ad affrontare la realtà e che si impone di controllare tutto, fissando lo sguardo. Invece, la realtà non va controllata ma accettata. Può fare bene, per esempio, visitare senza occhiali luoghi ricchi di bellezze naturali o artistiche e scegliere attività che sviluppano l'agilità nello spazio come il tennis e in genere che rendono armoniosi i movimenti come la danza
    L’ipermetropia
    E' un vizio di rifrazione dovuto per lo più a una lunghezza inferiore alla norma del bulbo oculare: le radiazioni luminose provenienti dall'esterno si riuniscono dietro anziché sulla retina e si ha una visione più netta degli oggetti lontani rispetto a quelli vicini.
    SECONDO IL METODO BATES
    L'ipermetrope ha un atteggiamento posturale elastico, agile e senza blocchi evidenti nella struttura muscolare, non riesce però a mantenere a lungo la stessa posizione. Il dispendio energetico e lo spreco di gesti inutili lo fa sentire spesso stanco. Entra subito in relazione con gli altri creando un'immediata intimità per poi di colpo defilarsi. Vede bene da lontano perchè tende a tenere a distanza le problematiche. E' importante che si calmi e rilassi gli occhi.
    La presbiopia
    Compare di solito con l'età. E' un'anomalia dell'occhio dovuta alla perdita di elasticità del cristallino. Così, gli oggetti vicini si vedono sfocati, mentre quelli lontani si vedono normalmente.
    SECONDO IL METODO BATES
    Il presbite, come l'ipermetrope, allontana le cose, così come le problematiche e ciò che non vuole vedere (per esempio le rughe). Chi ne soffre è sensibile ed espansivo. Tuttavia, proprio per la sua tendenza a non vedere da vicino, la sola ipotesi di un legame vincolante lo getta in un'ansia profonda e lo fa allontanare rapidamente.
    L’astigmatismo
    E' un vizio di rifrazione dovuto a un difetto di curvatura della cornea (membrana trasparente che chiude anteriormente l'occhio) e/o del cristallino: le radiazioni luminose si rifrangono in misura diversa e non si riuniscono sulla retina nello stesso punto focale. L'acutezza visiva è quindi confusa in quanto ridotta sia da lontano sia da vicino.
    SECONDO IL METODO BATES
    Chi soffre di astigmatismo deve imparare a rilassarsi, perchè un occhio rilassato vede meglio di uno sotto stress. Appena possibile l'astigmatismo deve cercare di osservare immagini semplici e colori naturali, perchè sono quelli di cui ha bisogno l'occhio astigmatico. In più dovrebbe praticare yoga o altre tecniche di rilassamento.
    La seduta funziona così
    PRIMA DI INIZIARE
    Un colloquio con un esperto del metodo è il primo passo e serve a valutare:
    l l'anatomia dell'occhio,
    l la visione distinta, per capire cosa significa vedere bene,
    l la dinamica energetica, cioè come influiscono l'energia e lo stress sulla capacità di vedere,
    l le malattie degli occhi e i disturbi visivi.
    DURANTE E DOPO
    Ogni lezione ha una parte iniziale teorica sul metodo Bates e poi sempre più mirata al singolo disturbo e una parte finale in cui l'educatore insegna gli esercizi specifici da seguire a casa: all'inizio sono molto semplici, come per esempio il palming, poi diventano sempre più articolati.
    Fa bene anche ai bambini
    Il metodo Bates è indicato per qualsiasi disturbo lieve degli occhi dei più piccoli. Affinchè il bambino apprenda bene gli esercizi è bene che vengano svolti con un pizzico di divertimento. Quindi, per esempio, l'educatore insegnerà al bimbo a fare:
    l l'esercizio del delineare i contorni in mezzo alla natura, seguendo, per esempio, i lineamenti del tronco di un albero oppure quelli di una foglia,
    l il palming, raccontandogli una storia a puntate.
    Occhiali speciali
    Per recuperare la vista il metodo Bates consiglia gli occhiali a fori stenopeici, detti anche "a reticolato". Si tratta di occhiali dalle lenti di plastica, scure e con piccoli forellini. In pratica, i fori bloccano l'ingresso di quei raggi che per raggiungere la fovea centralis devono ricorrere al meccanismo della rifrazione. Una parte della luce arriva direttamente e in modo naturale in quella zona della retina responsabile della visione nitida. E' questa porzione di luce che viene sfruttata dagli occhiali per ottenere una buona visione. Gli occhiali permettono ai muscoli degli occhi di non sforzarsi nel guardare e di sciogliere le tensioni. Inoltre, inducono gli occhi a una serie di attività che ne rieducano la funzionalità, perché:
    l la ricerca del foro obbliga l'occhio a compiere finissimi movimenti che rappresentano una salutare ginnastica per i muscoli extra-oculari inibiti dalle lenti rifrattive;
    l attraverso il foro ci si abitua ad accettare una visione parziale dell'oggetto osservato e si stimola il cervello a ricostruire il resto dell'immagine.
    Il libro
    «Vista perfetta senza occhiali» Dott.W. H. Bates, pagine 321, anno 1920
    La versione integrale e originale (1920), senza tagli o commenti, del libro scritto dal Dottor William H.Bates. Secondo l'insegnamento e le scoperte del grande medico oftalmologo risalenti agli inizi del Ventesimo secolo, qualsiasi tipo di problema degli occhi si può curare ricorrendo al rilassamento; inducendo cioè, per via di trucchi e stratagemmi, una condizione di riposo dinamico che permette all'organo più delicato del corpo umano di guarirsi e mantenersi sano.
    Per acquistarlo:
    http://www.disinformazione.it
    Fonte: http://www.ilnuovomondo.it/artmetodobates.htm

      La data/ora di oggi è Mar 24 Apr 2018, 05:40