Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    METODO DI BELLA - Genova, farmaci gratis per la cura Di Bella

    Condividi
    avatar
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 74
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    METODO DI BELLA - Genova, farmaci gratis per la cura Di Bella

    Messaggio Da nelda il Gio 11 Set 2008, 02:35

    http://www.metododibella.org/it/mdb/home.do

    Contrariamente a quanto erroneamente ritenuto da alcuni, il metodo
    antitumorale Di Bella (MDB), non solo non è una terapia "alternativa" nel
    senso che normalmente si attribuisce a questa definizione, ma rigorosamente e
    razionalmente scientifica, interamente basata dall'integrazione delle scienze
    esatte,con anatomia,biochimica,farmacologia,fisiologia,semeiotica,clinica.
    Rappresenta la punta più avanzata della ricerca sul cancro ,con conferme ampie e
    crescenti da parte della letteratura medico scientifica mondiale, dell'effetto
    antitumorale di ogni singolo componente del MDB.

    Vari
    Tribunali italiani hanno finalmente accettato il ricorso di chi dimostra che il
    MDB risulta utile come terapia antitumorale e la Corte di Cassazione ha deciso
    inoltre di non pronunciarsi più in questa materia( ordinanza n. 13548 del
    24.6.2005 ) lasciando il giudizio definitivo al giudice ordinario del luogo in
    cui si svolge la causa


    Da notare che un trattamento medio della cura si aggira dai 2500 ai 4000 euro MENSILI


    rassegna stampa “ La Padania - 14 luglio 2005


    ORDINANZA DEL TRIBUNALE CIVILE
    Genova, farmaci gratis per la cura Di Bella

    Il Tribunale civile di Genova (giudice Margherita Bossi) ha accolto la richiesta di un
    paziente affetto da linfoma maligno non Hodgkin che ha fatto ricorso alla cura Di Bella,
    guarendo, e ha ordinato alla Asl3 genovese di erogare gratuitamente i farmaci
    per i prossimi cinque anni, periodo in cui la cura deve comunque essere
    praticata.
    Il paziente è un genovese di 44 anni,
    sposato e padre di tre figli. All’inizio del 2000 gli veniva diagnosticato un
    linfoma maligno non Hodgkin al quarto stadio. Di fronte alla necessità di
    iniziare la terapia tradizionale, e cioè quella chemioterapica, erogata
    gratuitamente dal servizio sanitario nazionale, decise di seguire invece
    la terapia Di
    Bella. Dopo un primo periodo di stasi della malattia, seguì una
    regressione continuata in via progressiva sino a giungere a completa remissione
    nel 2004. In considerazione di questi risultati e visti gli altissimi costi
    della cura (circa 2.500 euro al mese), che doveva comunque essere praticata per
    altri 5 anni, il paziente ha fatto ricorso in via d’urgenza chiedendo al
    Tribunale di Genova che ordinasse alla Asl l’erogazione gratuita dei farmaci del
    protocollo terapeutico di cura stabilito dal dottor Di
    Bella.
    L’Azienda Sanitaria locale si
    costituì in giudizio, contestando in via pregiudiziale il difetto di
    giurisdizione del tribunale in favore del Tribunale amministrativo, e nel merito
    la fondatezza del ricorso sostenendo che il Multitrattamento Di Bella non aveva
    sufficienti basi scientifiche poiché la sperimentazione a suo tempo svolta non
    aveva avuto esito positivo. Il Tribunale ha invece accolto la domanda del
    paziente ritenendo infondata l’eccezione di difetto di giurisdizione e nel
    merito la fondatezza della domanda poichè «analizzando la vicenda del caso
    concreto non si poteva che constatare l’evidente beneficio che il paziente aveva
    tratto dalla cura praticata».
    [
    Nel sottolineare che «i risultati
    ottenuti dal ricorrente sarebbero stati raggiunti probabilmente anche con la
    terapia chemioterapica tradizionale» negata dal paziente «per sottrarsi ai
    molteplici effetti collaterali prodotti sull’organismo dalla cura tradizionale»,
    il giudice, nella motivazione della propria ordinanza, ha spiegato che
    «ricorrere all’erogazione gratuita è stato tuttavia necessario poichè non può
    non valutarsi anche l’alea per le condizioni di benessere del ricorrente, di una
    brusca interruzione di una terapia che, seppur solo con riguardo alla situazione
    clinica specifica, ha dato esiti
    positivi».




    Infine questa sentenza non avrà ripercussioni in appello in quanto la Corte di Cassazione ha stabilito
    in data 24.6.05 ( ordinanza n°. 13548 ) che la competenza spetta esclusivamente al giudice ordinario


    ( in questo caso al
    giudice margherita Bossi )
    e quindi si intende definitiva
    avatar
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 71
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Re: METODO DI BELLA - Genova, farmaci gratis per la cura Di Bella

    Messaggio Da pinodd il Gio 11 Set 2008, 08:38

    ....e VAI!!!!!!! E adesso quanto dobbiamo aspettare ancora per la gratuita' di tutte le altre cure alternative. Liberta' nella scelta della cura: questo e' l'obiettivo primario!
    Grazie Nelda.

      La data/ora di oggi è Gio 18 Ott 2018, 23:07