Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    Fisica quantistica:Impariamo a vivere!

    Condividi
    avatar
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 71
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Fisica quantistica:Impariamo a vivere!

    Messaggio Da pinodd il Gio 23 Ott 2008, 00:33

    Impariamo a vivere

    Apro questo blog con questo articolo perché immagino un mondo diverso da quello in cui vivo. Lo voglio diverso perché parlo con le persone e sento sempre la stessa risposta: “Le cose vanno così. Cosa ci posso fare?”. Tutti pensano che questa sia l’unica realtà possibile. Tutti ascoltano la televisione e parlano di quello che vedono dentro “la scatola magica”. Ora! Immaginate un mondo dove lo spazio tra voi ed il mondo esterno non sia vuoto. Dove le persone, gli oggetti e tutto quello che è stato a contatto con voi, una volta separato, mantenga un contatto permanente. Pensate al mondo come una cosa modificabile, in continua evoluzione e che tali cambiamenti possano essere influenzati dal vostri DNA. Sfidate la fantasia e date per assodato che i vostri sentimenti, le idee, i pensieri e tutto ciò che vi caratterizza come persone possa modificare il vostro DNA. L’epilogo è meraviglioso! Cambiando le vostre convinzioni potrete modificare il vostro DNA che a catena modificherà la realtà che vi circonda. Vi sembra una bellissima favola? Invece è la semplice realtà. E’ il riassunto delle ultime scoperte della scienza quantistica. Non sto parlando di idee, ma di cose tangibili che si basano su esperimenti scientifici. E’ la realtà! Sono cose che non potete negare almeno che non abbiate la possibilità di dimostrare il contrario con gli stessi strumenti. Sono 5 i punti salienti a cui sono arrivati gli scienziati.
    1. L’Universo, il nostro Mondo ed i nostri corpi sono fatti di un campo unificato di energia che è stata scientificamente riconosciuta nel XX secolo e che oggi è identificato con i nomi più svariati: “Il Campo”, “L’ologramma quantico”, “La mente di Dio”, “La mente della natura”, “La Matrix Divina”.
    2. Nel campo della “Matrix Divina”, le cose che sono state collegate fisicamente e poi si sono separate agiscono come se fossero ancora collegate, attraverso un fenomeno noto come “Entanglement”.
    3. Il DNA influenza direttamente ciò che accade della “Matrix Divina”, in modi che sembrano sfidare le leggi dello spazio e del tempo.
    4. Le credenze umane (i sentimenti e le emozioni riguardo le nostre convinzioni) modificano direttamente il DNA che a sua volta influenza ciò che accade nella “Matrix Divina”.
    5. Quando cambiano le nostre convinzioni sul corpo ed il mondo, la “Matrix Divina” trasferisce questo cambiamento nella realtà della nostra vita.
    Ovviamente di questo “la scatola magica” non ne parla nemmeno per scherzo. Vorrebbe dire mettere le persone nella condizione di credere che la propria vita sia il frutto dell’autodeterminazione. A modo suo questo è un segreto che è stato custodito scrupolosamente. Da 300 anni, per tenere viva l’illusione che le l’essere umano sia vivo solo per passare il tempo e sia vittima delle vicissitudini della propria vita, la scienza ha basato le sue dimostrazioni su due false supposizioni:
    1. Lo spazio tra le “cose” è vuoto. Nuove scoperte scientifiche ci dicono che semplicemente non è vero.
    2. I fenomeni della nostra interiorità, come i sentimenti e le credenze, non hanno effetti sul mondo al di là del nostro corpo. Anche questo si è dimostrato assolutamente falso.
    Ora è il momento! Dobbiamo fare un salto di qualità che prevede un passo fondamentale: quello di assumerci la responsabilità della nostra vita. Nel bene e nel male. E’ necessario viverla senza scaricare la responsabilità delle nostre decisioni su altri. Non giustificare le cose che non vanno dicendo che la causa è da attribuire a qualcun altro perché non ha fatto determinate azioni. Bisogna imparare a comunicare correttamente con il nostro cervello. E’ fondamentale perché corpo e mente fanno parte dello stesso sistema. Se la comunicazione avviene in modo sbagliato il complesso va in tilt. Un esempio per tutti. Quando ad una persona si chiede che cosa voglia fare della propria vita, sempre più spesso ci si sente rispondere con una lista dettagliata di ciò che non vuole fare. Generalmente questo individuo si accontenta di fare qualche cosa a patto che non sia nell’elenco di poco fa. I problemi sono due: uno evidente, l’altro subdolo e per questo molto più pericoloso.
    • (Il più evidente) Se una persona non ha un obiettivo da raggiungere è come una nave che parte senza una meta. Non può vagare per l’eternità. Resisterà a molte tempeste, ma prima o poi andrà a fondo. Al contrario con un porto da raggiungere farà un piano di viaggio, prevederà alcuni rischi e prenderà le dovute precauzioni. Non è garantito che arriverà alla meta ma se ne facciamo una questione di probabilità la differenza è evidente.
    • (Il più subdolo) Il cervello è una macchina perfetta, ma a volte un po’ stupida. Non è in grado di identificare le negazioni. Non è predisposto. Quante volte vi è capitato di non voler fare una cosa e puntualmente vi è capito di doverla compiere? Questo avviene perché il cervello comunica con l’esterno attraverso immagini. Ora, se non desiderate compiere una determinata azione, inviate al cervello l’immagine di ciò che non volete fare. Questo la riceverà e seguendo le regole scientifiche che ho riportato sopra, muoverà la realtà che vi circonda per realizzare la vostra volontà. Peccato che da parte vostra non ci fosse nessuna intenzione di realizzarla.
    Anche questo argomento “la scatola magica” non lo ha mai nemmeno sfiorato. Il motivo è sempre lo stesso. Se ogni essere umano mettesse come prima regola della propria vita quella dell’autodeterminazione, questa realtà svanirebbe istantaneamente. Questo deve far riflettere su alcune cose. Se si considerano le ultime scoperte in campo quantistico bisogna ricollocare l’intero genere umano all’interno dell’equazione dell’universo. Comporta la presa di coscienza che il momento di crisi che stiamo vivendo dobbiamo risolverlo e non lasciarlo ai posteri (che poi sono i nostri figli). Se capiamo che ogni uno di noi è architetto della propria realtà, probabilmente arriveremo alla conclusione che siamo noi e solo noi che abbiamo creato l’ambiente in cui viviamo e noi e solo noi ne dobbiamo uscire.
    Giorgio
    Fonte: http://www.vapensiero.net/?p=4

      La data/ora di oggi è Lun 10 Dic 2018, 23:17