Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    UE: piani segreti per gli OGM

    avatar
    diominore1

    Numero di messaggi : 44
    Età : 51
    Località : vercelli
    Data d'iscrizione : 03.09.08
    121108

    UE: piani segreti per gli OGM Empty UE: piani segreti per gli OGM

    Messaggio Da diominore1

    UE: piani segreti per gli OGM

    di: Geoffrey Lean

    Data articolo: novembre 2008

    Fonte: www.nexusedizioni. it

    PIANI SEGRETI IN EUROPA PER SPINGERE L'INTRODUZIONE DI OGM

    Gordon Brown a altri leaders Europei preparano una campagna senza
    precedenti, per spingere semi e alimenti modificati OGM in Gran Bretagna e
    in tutta Europa, secondo documenti segreti scoperti dal The INDEPENDENT di
    domenica 26/10. (là vige la Legge sulla tutela dell'informazione
    (Information Act) e non il bavaglio spontaneo e/o imposto alla stampa di
    regime come da noi, NDR) I documenti riservati di incontri segreti di
    rappresentanti di 27 governi, rivelano i piani per accelerare l'introduzione
    di semi e cibi OGM e per manipolare la resistenza dell'opinione pubblica.

    I documenti rivelano che i leaders vogliono che i “rappresentanti per
    l'agricoltura e l'industria”, inclusi i giganti produttori del biotech come
    la Monsanto, alzino il tono per farsi sentire di più rispetto agli
    “interessi privilegiati” degli ambientalisti.

    L'informazione sui piani segreti è destinata a creare una tempesta di
    proteste (esattamente come in Italia !..,NDR) proprio quando l'attenzione
    sugli OGM è in crescita, persino nei paesi che li hanno appena accettati.
    L'opinione pubblica si è opposta a qualunque coltivazione di semi OGM in
    Gran Bretagna. La Francia, uno dei soli tre paesi europei ad averli
    coltivati senza limiti di estensione, ne ha sospeso le coltivazioni e negli
    altri due, Spagna e Portogallo, sta crescendo rapidamente la resistenza del
    pubblico. (NB l'articolista si guarda bene dal riportare la situazione in
    Italia, perché la confusione del FEDERALISMO ITALICO PERSINO AGRICOLO, non
    lascia scampo a nessun giornalista, che non sia spregiudicato e impunito
    come l'Italico SEDICENTE GIORNALISTA DI REGIME, NDR).

    La combattiva industria biotech ha in corso una campagna di public relations
    basata sull'affermazione, per altro contestata, che la modificazione
    genetica sarebbe necessaria per combattere la fame nel mondo. Questa
    posizione ha ottenuto qualche successo sul Governo UE, nel quale i ministri
    si sono espressi sempre di più a favore della tecnologia (OGM) e nella
    Commissione Europea, presso la quale i suoi lobbisti hanno realizzato
    eccellenti rapporti di “lavoro”.

    Gli incontri segreti sono stati convocati da J M Barroso il Presidente della
    Commissione PRO-OGM. e sono stati tenuti sotto la guida del suo capo di
    gabinetto, J Val De Almeida. Al Primo Ministro di ciascuno dei 27 stati
    membri è stato richiesto di nominare un rappresentante speciale.

    Nulla è trapelato: non sui membri del gruppo, né sugli obiettivi, né sui
    risultati. Ma The Independent ha trovato documenti confidenziali, inclusa la
    lista e le conclusioni dei 2 incontri tenuti fino ad ora - il 17 luglio e il
    10 ottobre (2008) - scritti proprio da chi ha presieduto gli incontri.

    Nella lista ci sono i contributi riservati del Presidente francese N Sarkozy
    e del Cancelliere tedesco A Merkel. La G Bretagna era rappresentata da S
    Phippard, direttore del settore dei cibi e agricoltura, al Dipartimento
    Ambiente, Alimenti e Affari Agricoli.

    Le conclusioni mostrano che le discussioni vertevano principalmente sul come
    spingere l'introduzione di semi e alimenti OGM e del come persuadere
    l'opinione pubblica ad accettarli. I prodotti geneticamente modificati
    devono essere approvati dalla UE prima di poter essere seminati o venduti
    dovunque in Europa.

    Benché i funzionari della Commissione siano in generale fortemente
    favorevoli, i governi sono divisi e ciò crea il blocco dell'attività del
    Consiglio dei Ministri. In questo caso i burocrati della Commissione li
    hanno spiazzati. Legalmente lo possono fare, ma governi e gruppi
    ambientalisti non sono contenti. Le conclusioni del Primo Incontro hanno
    “concluso con l'invito ad accelerare i processi autorizzativi su basi
    robuste per rassicurare l'opinione pubblica”. Il Secondo Incontro ha
    aggiunto l'avvertenza: “Le decisioni dovranno essere più rapide senza
    compromettere la sicurezza”.

    Ma dai documenti risulta anche che Barroso sta andando molto oltre la
    semplice esortazione e sta tentando di trascinare il Primo Ministro a
    scavalcare il proprio Ministro Dell'Agricoltura e dell'Ambiente perché si
    favoriscano gli OGM. Risulta che il Presidente-direttor e degli incontri ha
    richiamato l'importanza per il Primo Ministro di “avere una visione meno
    ristretta” ed ha invitato i partecipanti a riferire sulle discussioni dei
    gruppi ai propri Capi di Governo. Infine ha “insistito sull'importanza di
    riportare l'attenzione su questi argomenti al Consiglio dei Ministri”.

    H Holder dei Friends of the Earth Europe dice: “L'intento di Barroso è di
    introdurre al più presto possibile gli OGM in Europa. Quindi intende
    rivolgersi direttamente ai Primi Ministri e invitare i Presidenti a mettere
    i piedi in testa ai loro ministri e a riportarli alla ragione”.

    Le conclusioni degli incontri hanno infiammato anche di più il parere
    contrario dell'opinione pubblica. I documenti premono sul “come fare
    maggiormente presa sul pubblico” e sollecitano un dialogo “non emotivo e
    concreto sugli standards elevati della politica OGM dell'EU”. I documenti
    registrano l'enfasi del Conduttore che ha presieduto gli incontri, sul
    “ruolo dell'industria, dei partners economici e della scienza a dare un
    contributo al dialogo”; aggiungendo che “il pubblico si sente male
    informato” e che “i rappresentanti dell'agricoltura dovrebbero farsi sentire
    di più”.

    Infine si dà anche una sferzata mal celata ai gruppi ambientalisti, quando
    si dice che il dibattito “non dovrebbe essere lasciato in mano a certi
    gruppi di interesse, che hanno un interesse legittimo ma non privilegiato” .

    NB: per chi vuole, in calce all'articolo - il giornale di scuola
    giornalistica anglosassone, da noi sconosciuta - offre una guida di
    valutazione e interpretazione degli argomenti trattati, che consente di
    maturare e assimilare l'informazione; per esempio con dati sulla bugia degli
    OGM per salvare la fame e sul danno irreversibile da modificazioni genetiche
    introdotte attraverso le coltivazioni in campo aperto.

    Tradotto rapidamente e liberamente da Grazia Sanna

    DOTT. NEO,, Evil or Very Mad
    Condividi questo articolo su: diggdeliciousredditstumbleuponslashdotyahoogooglelive

    Nessun commento.


      La data/ora di oggi è Mer 20 Nov 2019, 10:16