Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    Il freddo inganna. Riscaldamento climatico alle stelle

    nelda
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 75
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    Il freddo inganna. Riscaldamento climatico alle stelle Empty Il freddo inganna. Riscaldamento climatico alle stelle

    Messaggio Da nelda il Gio 11 Dic 2008, 02:04

    Il freddo inganna. Riscaldamento climatico alle stelle

    di Elisabeth Zoja - 09/12/2008

    tratto da http://www.terranauta.it/nt/home.php


    Nonostante il freddo “le ultime ricerche sul clima spaventano", afferma Corinne LeQuéré dell’università britannica di East Anglia. La professoressa di scienze ambientali sostiene che basterebbero investimenti nelle tecnologie giuste per dimezzare le emissioni inquinanti. Il summit di questi giorni in Polonia determinerà se questi investimenti verrannofatti o rimandati.
    Il freddo inganna. Riscaldamento climatico alle stelle 1228826208
    Un'immagine eclatante di ciò che stiamo facendo al nostro pianeta
    “I gas a effetto serra attualmente nell’atmosfera faranno salire la temperatura di 2,4°C”, dichiarano Yan Feng e Veerabhadran Ramanathan della National Academy of Sciences americana. L’obbiettivo dell’UE di limitare l’ascesa a 2°C non sembrerebbe quindi più raggiungibile. Eppure l’esperienza quotidiana racconta di giornate fredde e umide in gran parte del paese. Come si spiega, inoltre, che secondo i dati presentati dall’ufficio meteorologico britannico - attendibile istituto di ricerca
    – il 2008 sarebbe l'anno più freddo del nuovo millennio?
    La risposta ci viene fornita dall’istituto di meteorologia di Amburgo: una specie di ombrello gigante ci protegge dai raggi solari più forti, impedendo così l’innalzamento delle temperature. Questo schermo è però composto dall’aria inquinata che produciamo. Un’arma a doppio taglio, quindi, che da un lato ci protegge dal sole, dall’altro mette a rischio la nostra salute. Appena l”ombrello” si dissolverà, inoltre, il riscaldamento climatico ci colpirà senza più nessuna protezione. Per uscire da questa situazione paradossale non ci resta che ridurre drasticamente le emissioni. ]http://www.terranauta./nt/foto.php?idf=1721&val=250
    Un grafico che illustra l'aumento delle temperature
    “Non ci possiamo più permettere errori” dichiara Hans Schellnhuber, direttore dell’istituto di ricerca sul clima di Potsdam. Secondo l’esperto, il livello del mare salirà di un metro entro questo secolo, poiché “la Groenlandia e i ghiacciai dell’Himalaya si scioglieranno più in fretta del previsto”.
    Vi è una differenza eclatante tra le ultime ricerche del consorzio climatico tedesco e quelle dell’IPCC dell’anno scorso: il riscaldamento globale sta accelerando drasticamente. Quest’anno le emissioni di CO2 sono aumentate del 3,8%, mentre negli ultimi anni aumentavano dell’1%.“Basterebbe esportare le nostre tecnologie per dimezzare le emissioni dei paesi in via di sviluppo” dichiara
    Gernot Klepper dell’istituto di economia mondiale di Kiel. Anche secondo Legambiente sono necessari più fondi per abilitare l’accesso alle tecnologie sostenibili e l’adattamento ai cambiamenti climatici di
    questi paesi ]http://www.terranauta.it/nt/foto.php?idf=1722&val=250[/img][/size]
    Un grafico che mostra il legame tra le emissioni di Co2 e l'aumento delle temperature
    Che la protezione del clima richieda degli investimenti è chiaro, ma ilministro del clima tedesco Sigmar Gabriel ritiene che i costi sianoammissibili. Inoltre la recessione ha mostrato che investimenti in
    “valori reali sono più fruttiferi di quelli in valori fittizi”.
    Proprio in questi giorni vengono determinate la quantità e la qualità di questi investimenti. Da una settimana 8.000 delegati stanno cercando degli accordi: la conferenza di Poznan, in Polonia, è il secondo dei tre incontri previsti per sviluppare un nuovo trattato post - Kyoto.
    L’incontro definitivo avrà luogo tra un anno esatto a Copenhagen. Sigmar Gabriel esprime le sue preoccupazioni: l’attesa fino alla fine del 2009 gli sembra troppo lunga, a quel punto “non ci potremo più permettere esitazioni”.
    Speriamo che sia il risoluto spirito tedesco a guidare i colloqui
    http://www.terranauta./nt/foto.php?idf=1723&val=250
    Un grafico che illustra il riscaldamento globale
    La Germania è stata tra i pochi paesi a oltrepassare le promesse di Kyoto.
    Il trattato richiedeva la diminuzione delle emissioni del 5% dal ‘90 a oggi: in Germania sono diminuite del 18%. Molti altri paesi, invece, non hanno neanche raggiunto quel 5%. In alcuni - per esempio in Italia
    - le emissioni sono addirittura aumentate. Per non parlare di paesi come gli Stati Uniti che non hanno neanche firmato il protocollo.
    Il futuro presidente americano Barack Obama, invece, dichiara la salvaguardia dell’ambiente una priorità. Il suo incarico attuale, però, non gli permette di partecipare al summit in Polonia. Sarà invece
    presente l’anno prossimo a Copenhagen. Riuscirà a rendere il nuovo trattato più ambizioso e soprattutto il nuovo trattato verrà rispettato?

      La data/ora di oggi è Gio 21 Nov 2019, 19:57