Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    Clonazione Umana. Quello che dobbiamo sapere.

    Condividi
    avatar
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 73
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    Clonazione Umana. Quello che dobbiamo sapere.

    Messaggio Da nelda il Dom 07 Set 2008, 22:16

    SaraS n° 41 Aprile/Giugno 2008
    Trimestrale non in
    vendita riservato ai Soci di SaraS
    Pagg. 26,27.


    Clonazione Umana. Quello che dobbiamo
    sapere.
    Dott. Francesco
    Stracuzza
    Responsabile Medico Scientifico di SaraS

    La clonazione applicata all'uomo è un argomento che fino a qualche
    tempo fa poteva interessare soltanto gli appassionati di fantascienza e di
    romanzi utopistici. Nel passato non erano mancati gli autori che immaginarono
    scenari inquietanti: società tecnologicamente avanzate, divenute in grado di
    clonare uomini con lo scopo di costituire individui con caratteristiche
    genetiche predeterminate e funzionali per lo svolgimento di particolari
    mansioni. L'argomento poteva essere trattato con un certo distacco, ma da alcuni
    anni la situazione è profondamente cambiata.
    L'opinione pubblica è stata indotta a credere che si
    potessero produrre cellule e tessuti per clonazione da altre cellule e tessuti,
    senza considerare invece che tale procedura implica necessariamente lo sviluppo
    di embrioni umani, sia pure allo stadio di blastocisti, stadio iniziale da cui
    si genera negli stadi successivi di sviluppo un embrione umano, non destinati ad
    essere trasferiti nell'utero di una madre per il successivo sviluppo, con il
    solo scopo di usare le cellule così ottenute e poi distruggere quelle che non
    servono.
    Questo malinteso ha indotto molti a ritenere che tali procedimenti
    dovessero essere giudicati positivamente dal momento che avrebbero una finalità
    terapeutica di grande valore per la cura di determinate malattie, senza ledere
    l'integrità dell'individuo umano.
    Purtroppo le cose però non stanno così. Per avere le idee più chiare
    sull'argomento che stiamo trattando, bisogna in primo
    luogo sapere cos'è la clonazione.
    La clonazione di un organo avviene attraverso una tecnica
    chiamata "somatic cell nuclear transfer": letteralmente "trasferimento del
    nucleo delle cellule somatiche".
    Il nucleo di un ovocita, cellula riproduttiva femminile,
    che in natura viene fecondata dallo spermatozoo, cellula
    riproduttiva maschile, che contiene il materiale genetico dell'individuo a cui
    esso appartiene, viene rimosso e sostituito con il nucleo di una cella somatica
    proveniente dall'organismo di un individuo adulto. Se l'ovocita così
    "rimaneggiato" viene successivamente stimolato a dividersi, può arrivare allo
    stadio di blastocisti, fase della riproduzione che precede l'impianto
    dell'ovocita nell'utero.
    Nella clonazione riproduttiva, questa blastocisti
    verrà impiantata nell'utero e proseguirà lo sviluppo fino alla nascita di un
    nuovo essere vivente. Invece, nella clonazione a scopo di ricerca o terapia,
    anziché venire impiantata nell'utero, la blastocisti viene trasformata in
    tessuto per coltura per dare origine ad una linea di cellule staminali o per la
    ricerca o per applicazioni cliniche.
    In realtà, io credo che l'industria biotecnologica intende
    realizzarea attraverso questa tecnologia, spacciata per
    tecnologia a scopi terapeutici, una vera e propria clonazione di individui
    umani. Questa tecnica si avvale di prelievi dal corpo umano di cellule in
    grado di proliferare e generare tessuti in laboratorio, con lo scopo di sostituire
    tessuti del corpo di un paziente che sono stati compromessi, ad esempio da una
    grave ustione o da forme tumorali particolarmente aggressive.
    Qualora si trattasse di interventi di ingegneria tissutale non ci sarebbe alcuna difficoltà
    di tipo etico, morale, spirituale ad ammettere e sostenere la possibilità di
    queste tecniche innovative, invece non è così ed i ricercatori sanno bene di
    cosa si tratta.
    Infatti, non si sta parlando di banali tecniche di
    riproduzioni cellulari in laboratorio o di ingegneria tissutale, ma lo scopo è
    la produzione di cellule e tessuti a partire da embrioni umani clonati, cioè di
    esseri umani.
    Qualsiasi forma di vita, anche negli stadi iniziali, è pur
    sempre vita di cui si prevede l'interruzione dello sviluppo stesso per poterli
    utilizzare come preziosi pezzi di ricambio biologici allo scopo di riparare o
    sostituire tessuti od organi in un individuo adulto. In questo modo l'uomo si
    sostituisce al Creatore e con la sua scienza, sovvertendo tutte le regole
    naturali, calpesta ignorando volutamente tutti quegli aspetti etici, morali e
    spirituali che sicuramente hanno una fondamentale importanza per la vita
    stessa.
    E' infatti noto che le cellule staminali dell'embrione prima
    dell'impianto in utero, sono presenti nell'organismo umano anche nell'adulto,
    hanno la possibilità e capacità notevole di autorinnovarsi e di differenziarsi,
    pertanto si vorrebbe sfruttare questa potenzialità laddove ce ne fosse
    bisogno.
    Sarebbe opportuno spiegare ai non addetti ai lavori cosa sono le
    cellule staminali: cellule in grado di replicarsi e di generare cellule
    specializzate.
    Cellule staminali potrebbero essere impiegate per creare
    cellule e tessuti sostitutivi per il trattamento di numerose malattie quali,
    morbo di Parkinsin, leucemie, tumori particolarmente aggressivi, ictus, diabete,
    ustioni, ecc.
    Organi e tessuti verrebbero quindi colonizzati da queste
    cellule staminali, in questo modo si instaurerebbe la condizione fisiologica
    desiderata accelerando la guarigione. Alla luce di queste applicazioni, interi
    organi potrebbero essere sostituiti grazie alle cellule staminali con
    un'apposita impalcatura per la ricostruzione.
    Le cellule staminali, lo abbiamo precedentemente affermato, sono presenti
    sia negli embrioni che nell'adulto, queste tuttavia si possono reperire anche
    nel sangue del cordone ombelicale al momento del parto, nel fegato e
    nel midollo osseo del feto. Mentre le cellule staminali dell'embrione possono
    riprodurre tutti i 200 diversi tipi cellulari specializzati che costituiscono il corpo umano
    le cellule staminalidell'adulto sono in grado di produrre uno o comunque un numero
    limitato di tipi cellulari.
    Per questo motivo, la produzione di un organismo umano allo
    stato embrionale di sviluppo si potrebbe considerare una sorta di corsia
    preferenziale ed una riserva di cui disporre nel tempo, sfruttando la
    crioconservazione (conservazione a freddo) dell'embrione stesso. Inoltre i
    tessuti così ottenuti risulterebbero istocompatibili (compatibilità istologica)
    con quelli del donatore del nucleo, cioè il paziente stesso; questo
    consentirebbe di superare il problema del rigetto da trapianto con tessuti
    estranei al paziente.
    Non solo, ciò permetterebbe di avere un prodotto
    selezionato ed abbondante portando così necessariamente al fiorire di attività
    biotecnologiche fondate sulla commercializzazione di pezzi di ricambio umano su
    scala industriale.
    Gli studi scientifici nell'ambito della clonazione
    riproduttiva sui mammiferi indicano che si verifica un'incidenza superiore alla
    norma di feti malformati, aborti spontanei e di anomalie e decessi fra i
    cuccioli, non vi è alcun motivo di ritenere che nell'uomo il risultato possa
    essere diverso. Esiste una seria minaccia per la salute dell'individuo clonato
    non soltanto alla nascita ma per tutta la vita e sotto il profilo scientifico,
    oggi in base alle conoscenze in nostro possesso sarebbe irresponsabile per
    chiunque tentare di realizzare la clonazione riproduttiva nell'uomo. Nonostante
    tutte le evidenze scientifiche nella seconda metà degli anni '90, alcuni
    laboratori sparsi nel mondo hanno dichiarato di avere già tentato la clonazione
    umana o di essere in grado di attuarla.
    Nell'autunno del 2001, le agenzie di stampa hanno divulgato
    la notizia che sembra suggellare l'inizio di una nuova
    era per la scienza; una società di ricerche Statunitense, l' "Advanced cell
    Technology", ha eseguito con successo la prima clonazione di un embrione umano.
    Nell'Aprile del 2002, il medico italiano Dott. Severino Antinori, fece un
    commento improvvisato ad un giornalista, affermando che tre donne erano incinta
    di un embrione clonato, da allora il medico sembra sia uscito di scena e non si
    è più saputo se lo stesso abbia confermato o meno questa affermazione. Nel 2004
    ricercatori dell'Università di Seul per la prima volta sono riusciti a
    riprodurre in laboratorio una sequenza completa di cellule staminali umane
    mature, compiendo così un'ulteriore passo avanti per la cura di gravi malattie
    degenerative attraverso la biogenetica. L'annuncio della riuscita
    dell'esperimento è stato dato dall'equipe degli scienziati sud-coreani, guidati
    dal Dott. Woo Suk Hwang, attraverso un comunicato diramato a sostegno di uno
    studio relativo ai progressi compiuti dall'American Association for the
    Advancement of Science.
    Non bisogna dimenticare che da un punto di vista spirituale
    ogni singola cellula è vita ed in ognuna di queste, che tutte insieme
    compongono la complessità del nostro organismo, vengono trasferite delle
    informazioni genetiche e psichiche su quella che è la nostra unicità ed il
    nostro percorso evolutivo, quindi è sbagliato interferire con la vita attraverso
    tecniche di manipolazione, in vivo od in laboratorio, che non tengono conto
    della dignità della vita stessa e della nostra natura spirituale.
    Manipolare un essere umano ai suoi primi stadi vitali per ricavarne il materiale biologico
    necessario alla sperimentazione di nuove terapie, procedendo all'uccisione di
    questo stesso essere umano, contraddice il sottinteso scopo di salvare la vita
    di altri esseri umani. Il valore della vita umana rende illegittimo un uso
    strumentale dell'esistenza di un individuo chiamato alla vita per essere usato
    solamente come materiale biologico. Cosa dire poi dell'atto della procreazione,
    sostituito con pratiche di fecondazione extracorporea, che rende lo stesso
    essere umano proprietà ad uso e consumo di chi è in grado di generarlo in
    laboratorio. Privo di ogni logica è poi il riferimento al fatto che questi
    esseri umani allo stadio embrionale, destinati a fornire cellule e tessuti, non
    siano in grado di sentire dolore: la mancanza di dolore non giustifica la
    soppressione di un essere umano, e l'uccisione dello stesso sotto anestesia non
    cesserebbe di essere sempre un omicidio.
    Gli scopi terapeutici, anche se fossero veri, non possono giustificare mai l'uccisione
    programmata del proprio simile o la sua produzione in serie. La logica che alimenta
    e governa questo progetto è legata al mercato biotecnologico e non ha nulla
    a che vedere con la scienza.
    Diciamolo pure che tutto questo è un affare economico inestimabile
    per il industrie biotecnologiche che scateneranno una guerra per i brevetti
    sugli embrioni e le cellule staminali, e chiunque, governi, laboratori, o
    aziende private, vorrà accedere a questi tesori ed ottenere diritti di ricerca o
    licenze commerciali, dovrà pagare un conto assai salato.
    La scienza ha saputo trovare e pensiamo possa trovare forme
    terapeutiche per le malattie su base genetica o degenerativa, attraverso altri
    procedimenti, come per esempio l'utilizzo di cellule staminali prelevate dal
    cordone ombelicale pelle partorienti ma se per ipotesi, l'unica via possibile
    fosse invece quella della clonazione umana, allora bisognerebbe avere il
    coraggio intellettuale e morale di rinunciare a questa tecnologia, poiché
    imporre l'origine e la morte è un atto di ingiustizia che lede nelle sue
    fondamenta la nostra dignità e la nostra civiltà.

    http://www.associazionesaras.it/home/default.asp

      La data/ora di oggi è Dom 25 Feb 2018, 08:31