Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    Recessione? E perche' mai?

    Condividi
    avatar
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 74
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    Recessione? E perche' mai?

    Messaggio Da nelda il Sab 18 Ott 2008, 05:02

    Recessione? E perche' mai?
    di Uriel - 17/10/2008

    Fonte:
    Wolfsteep


    Vedo che la paura del futuro e' divenuta uno stato
    esistenziale dell'italiano. Le cose che stanno succedendo non
    suggeriscono niente come una recessione, MA l'italiano riconosce come
    propria solo una visione del futuro che lo spaventi. Una visione che lo
    rassicuri viene vista come interessata o falsa.


    Dunque, che cosa sta succedendo. Elenchiamo qualche numero.
    Le perdite dovute a questo crack, negli USA, hanno
    raggiunto e superato il PIL, ovvero hanno superato i 15 triliardi di
    dollari. (circa 10 volte il PIL italiano).

    Le medesime perdite, dovute ai fallimenti, hanno
    sinora interessato maggiormente l' Inghilterra, e nell'europa
    continentale il danno e' stato nell'ordine delle decine di miliardi di
    euro, cioe' di un ordine MILLE inferiore al botto USA.

    Ora, la reazione europea tuttavia e' stata di gran
    lunga piu' "feroce" e "socialista" di quella USA. Per la prima volta
    nella storia dopo l' URSS, esiste un comparto (quello bancario) nel
    quale non solo sono garantiti i rapporti tra privati e banca centrale,
    ma sono garantiti i rapporti tra banche e quelli tra operatori.

    Essi sono garantiti "per qualsiasi cifra", il che
    pone un massimo garantito pari alla pressione fiscale dell'eurozona. In
    pratica abbiamo garantito le banche, i clienti correntisti e i prestiti
    tra banche con il 40% del PIL europeo. Nemmeno nei paesi a socialismo
    reale, quando scrivevano i piani quinquennali, si vedevano settori
    garantiti da una simile quantita' (anche se teorica) di risorse.

    Riguardo alla finanza, l'assetto europeo e'
    "socialista imperiale", cioe' supera quello sovietico di varie misure,
    per cui se quello sovietico era un socialismo reale, il nostro e' come
    minimo un socialismo imperiale.

    Freddure a parte, gia' oggi (1) l'eurozona e'
    probabilmente il porto piu' sicuro del mondo. Le borse asiatiche
    infatti pagheranno nel tempo la scarsa trasparenza cinese ed indiana:
    e' impossibile che non abbiano comprato subprime, ma una cappa di
    segreto copre l'ammontare delle cifre.

    Ora, ovviamente se voi foste un tizio che cerca un porto sicuro durante la crisi,dove mettereste i soldi?In un porto sicuro.
    Come la UE.
    C'e' da aspettarsi, quindi, l'arrivo di capitali
    in gran massa. L'asta dei titoli di stato italiani ha spopolato, al
    punto che e' stato possibile abbassare la resa senza perdere clienti: i
    "bot" italiani, sebbene superati da quelli tedeschi, vanno a ruba.

    Ovviamente questi sono solo i prodromi di un flusso
    ben piu' grande: se gli americani si ostineranno a non essere proattivi
    andando a cercare le passivita' (Carte di credito, per esempio. Credito
    al consumo, per esempio. ) , la UE rimarra' il porto sicuro.

    Poco performante,certo. Ma sicuro. Una rassicurante
    , muscolosa nonnina che quando sei in casa sua sei al sicuro e senti
    odore di torta. Che non e' figa come il sushi, ma si mangia volentieri.

    Ma non e' solo questo il motivo per il quale arriveranno capitali.
    Una volta creato un ombrello, tutti vorrannostarci sotto, ma specialmente tutti ameranno quelli che ci stanno sotto.
    Provate ad essere una banca che vuole dare credito.
    Voi come banca siete sotto un ombrello che e' TERRITORIALE, cioe' vale
    solo in UE.

    Adesso andiamoa vedere il cliente ideale:

    E' un'azienda che ha sede sotto l'ombrello UE.
    E' un'azienda che ha la produzione sotto l' ombrello UE.
    E' un'azienda che ha I CLIENTI sotto l'ombrello UE.

    Questo e' il cliente ideale della vostra banca. Ovviamente questo fatto andra' a penalizzare le aziende che:

    Non hanno sede sotto l'ombrello UE. Multinazionali straniere.
    Hanno la produzione fuori dalla UE. Furbetti del quartierino vari (FIAT auto, per dire) che hanno la produzione all'estero.
    Hanno i clienti fuori dalla UE (tutti quei "moderni" che hanno "puntato ai mercati stranieri").

    Eh, capite che in questo modo sta per avviarsi una
    poderosa ristrutturazione del mercato. Nel breve termine, perderanno
    moltissimo tutti i vari "delocalizzatori della produzione" (FIAT group,
    per dire. Tutti quelli che hanno chiuso in italia per andare a
    produrre fuori. Tutti quelli che hanno deciso di produrre beni per
    paesi extraeuropei): faticheranno ad accedere al rischio perche'
    produzione e mercati sono situati fuori dall' "ombrello".

    Ovviamente invece chi ha la produzione in loco
    (molte aziende tedesche e francesi, qualcuna italiana -penso alla
    chimica-, il tessile -se ancora esiste- , molto alimentare ) sara'
    "piu' uguale degli altri" per le banche europee.

    Ma questo avverra' anche fuori: avere un 30% del
    mercato in un posto dove per legge non ci possono essere tumulti
    finanziari sara' una cosa BELLA, anche per le banche straniere. Avere
    la produzione in un posto stabile idem. Averci una sede con un centro
    di costo anche.

    Quindi, adesso stanno per iniziare due processi:

    Lo spostamento di flussi enormi di soldi verso l' ombrello UE.
    Lo spostamento di investimenti industriali.


    Quando iniziera' davvero il processo? Lo dice
    l'indice di panico. Stabilito che gli USA ci metteranno molto a
    risalire, e quindi ci hanno gia' messo una croce sopra, il sudamerica
    sara' impattato presto dalla crisi USA. Rimangono asia e UE.

    Finora i governi asiatici hanno censurato qualsiasi
    informazione sul possesso di titoli junk, ma prima o poi la bolla
    scoppiera', forse gia' alla fine di questo quarter (inizio dell'anno).

    Dunque, non appena ci sara' il crollo asiatico , i capitali inizieranno a fluire in Europa.
    Certo, con un premier che vede i prodromi di questa
    situazione e grida "aiuto, gli arabi cattivi ci vogliono scalare le
    banche", forse l' Italia non sara' ai primi posti come destinazione.

    Ma se consideriamo che gia' oggi i titoli di stato
    italiani sono stati presi d'assalto, nemmeno la mancanza di visione di
    Berlusconi potra' fermarli.

    Adesso Berlusconi vuole fare una legge per
    proteggere le banche italiane da questo flusso di soldi (2),ma temo che
    non abbia intuito l'ordine di grandezza di quel flusso. E' vero che
    magari non compreranno le banche italiane al ribasso.

    Ma appena si muoveranno davvero i fondi sovrani e quelli pensionistici USA, nessuna legge evitera' il fiume di soldi.
    Direte voi: ma questo "ombrello" e' una cosa a tempo.
    No, non e' a tempo. Quando scadra', nessuno avra'
    il coraggio di toglierlo prendendosi la responsabilita' di eventuali
    crolli. Anche perche' l' Italia aveva gia' tutte queste misure gia' in
    atto da decenni (3), e quindi se gli altri paesi rimuovessero
    l'ombrello ci darebbero un vantaggio.

    Nella storia, inoltre, i provvedimenti a vantaggio esplicito delle banche non sono MAI stati abrogati.
    Dunque, non ci sara' alcuna recessione.
    Ci sara' una fase di TRASFORMAZIONE del mercato,
    una fase di TRASFORMAZIONE dell'industria, una fase di TRASFORMAZIONE
    del credito, che risulteranno in una ristrutturazione dell'economia
    italiana ed europea.

    Questa fase sara' DOLOROSA per chi ha
    delocalizzato, per chi ha fatto uso di offshore, per chi ha puntato sui
    mercati extraeuropei.

    Sara' invece vantaggiosa per gli altri.Quindi
    assisteremo ad una modifica dei rapporti di potere, sia in campo
    economico che sociale.

    Ma non si tratta ne' di stagnazione ne' di
    recessione, e' semplicemente una brutalissima ristrutturazione. Che
    avra' i suoi scossoni e le sue cicatrici, ma nel medio e lungo termine
    ringrazieremo che sia successa.


    (1) Perche' si propongono misure per "evitare la cosa si ripeta", che irrigidiranno ancora il mondo finanziario.
    (2) Dopo che per anni si e' auspicato un flusso di
    investimenti stranieri. Ah ah. Forse e' deluso dal fatto che gli arabi
    vogliono comprare le banche e non le "bellissime segretarie italiane
    (cit.)"?


    (3) Quando gli hanno chiesto quante risorse
    avremmo dedicato al provvedimento anticrisi, Tremonti ha detto "tutte
    quelle necessarie", per una semplice ragione: una protezione simile, di
    fatto, e' gia' in atto in Italia da anni. Sapete menzionare un
    fallimento bancario italiano ove lo stato non abbia rimesso a posto le
    cose di tasca propria?
    avatar
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 71
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Re: Recessione? E perche' mai?

    Messaggio Da pinodd il Dom 19 Ott 2008, 19:39

    Sapete menzionare un fallimento bancario italiano ove lo stato non abbia rimesso a posto le cose di tasca propria?

    .......Da quando abbiamo saputo che i veri proprietari di Bankitalia sono le nostre amate banche ......non c'è piu' niente di cui meravigliarsi!!!!!

      La data/ora di oggi è Mar 23 Ott 2018, 10:21