Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    Se vi e' un Dio.....

    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Sab 14 Giu 2008, 15:42

    <ricercando tale base originaria, riconosceremo che esse tutte sono pure fondate su esperienze universali. Nessun uomo puo' considerarsi religioso finche' non abbia avuto egli stesso le medesime esperienze. Non serve molto parlare di religione finche' tali esperienze non siano state raggiunte. "Che diritto ha un uomo di dire che ha un'anima, se non la sente, o di affermare che c'è un Dio, se non lo vede? Se vi e' un Dio dobbiamo essere in grado di vederlo; se vi e' un'anima dobbiamo essere in grado di percepirla; altrimenti val meglio non credere!
    E' preferibile essere ateo che ipocrita!>>.
    Brani tratti dall'introduzione al Raja Yoga di Swami Vivekananda.
    Pino.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Sab 14 Giu 2008, 15:53

    Per un errore di digitazione manca la parte che precede quanto riportato nel messaggio....
    "Tutto il nostro sapere si fonda sull'esperienza; tutto cio' che chiamiamo conoscenza deduttiva o induttiva ha per base l'esperienza. Ogni uomo istruito oggi sembra pensare che tutte queste religioni non siano che un mucchio di teorie sballate, senza possibilita' di verifica, con le quali ciascuno si arroga il diritto di predicare le sue proprie fantasie. Tuttavia c'è nella religione una base di credenza universale dalla quale derivano tutte le differenti teorie ed idee delle diverse sette di tutti i paesi.
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Sab 14 Giu 2008, 23:56

    Appunto, ma tutto sta a vedere come ciò assume forma storica
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Dom 15 Giu 2008, 09:51

    Ciao Verygod, vera fucina di idee, benvenuto! Credo che ci sentiremo spesso!! Come vedi sono un appassionato di cultura orientale(se come vedo a te piace l'uso creativo del pensiero nella sua piu' alta espressione-la filosofia-troverai pane per i tuoi denti addentrandoti nella cultura vedica, dove una "nuova" tecnica di calcolo imita i processi del pensiero naturale.). Tornando al tuo messaggio, e se e' vero che la storia e' la proiezione all'esterno dei nostri accadimenti interiori, allora prima devono avvenire "in pratica" questi accadimenti e poi si passera' a considerarne il significato storico....non prima .....si rischiano cantonate appunto "storiche"-
    Ho conosciuto di persona individui (anzi uno solo) che hanno "visto" e ti assicuro che e' un'esperienza che lascia il segno!
    Pino
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Dom 15 Giu 2008, 12:27

    Ciao Pino,
    concordo sui rischi diffusi di cui dici, anzi parrebbe forse essere un po' Tutto una cantonata... Qualche dubbio su possibili pre-scrizioni tuttavia rimane... Non dubito nemmeno sui possibili segni del vedere.
    Quanto alla 'nuova' tecnica di calcolo, attendiamo ogni possibile delucidazione in materia.

    Ma l'operazione che è qui in corso, pur evocando del vedere anche gli aspetti più filosoficamente 'alti&altri', ha un carattere più 'prosaico'.
    Ciò che qui si tratta di cogliere è come di una certa presunta visione, che tende a divenire visione presunta certa, si faccia opera storica concreta e presente.
    Il 'mio' D-nero, se rimanda ad una essenziale oscura trina dialettica che è al contempo hegeliana, gentiliana, freudiana, luterana e vedica, ancorché di Tutto ciò sia appassionante il più 'alto' argomentare, di tutto ciò parrebbe altrettanto significativo il vederne i nessi più terreni e quotidiani.
    Ad esempio, detto in modo relativamente semplice e per tutti i non addetti a certi storici lavori, qual è il nesso fra il volume di moneta circolante, la dimensione finanziaria globale dell'economia e certa semiotica pubblicitaria? Si vede, si coglie, che il "Tutto intorno a te" della pubblicità Vodafone è un messaggio di carattere religioso nel senso etimologico del termine? E, tornando a Guènon, attorno a quale Re di quale mondo ruota quel vodafonico 'severiniano' Tutto? Attenzione, perché Emanuele Severino, a partire dal 1958, ha voluto logicamente fondata l'eternità di tutti gli enti e, di concerto, ha 'sostituito' il centrale Dio con il centrale Tutto. Orbene, quanto pesa e come gioca nell'inconscio collettivo una certa versione e visione delle cose? Chi detiene la versione e la presunta visione dominante? E Tutto ciò ha carattere finanche politico? Comprendiamo a quale gioco giochiamo e, in materia, quale tipo di guerra si gioca? E questo storico gioco ci piace? Sarebbe possibile cambiare caratteristiche e regole dello storico gioco in questione?

    Chiedo venia se è poco, ma dedicandosi alla R&S di certe reti e di certi sensi, questo diario dell'assurdo non potrà vedere più in là di tanto, né potrà rispondere ad ogni eventuale importante avviso.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Dom 15 Giu 2008, 14:24

    Ciao Verygod, per la matematica vedica, in italiano finalmente, puoi vedere le indicazioni nel settore "scienze matematiche": ho trovato dei buoni link(conoscenza dell'inglese permettendo).
    Mi fermo solo sull'ultimo interrogativo che poni: sarebbe possibile cambiare caratteristiche e regole dello storico gioco in questione?
    Bene:comincio col dire che un "fenomeno" continuera' a rimanere "inspiegabile" fino a che non allarghiamo il "campo" di osservazione in cui esso avviene; questo e' uno,forse il principale, dei motivi della annosa inspiegabilita' dei fatti! Ma i fatti, i fenomeni, gli accadimenti, avvengono in un contesto di "relazioni" piu' ampio, il tutto veicolato dalla "comunicazione": e per adesso, che io sappia, non c'è campo piu' complesso della comunicazione umana; detta comunicazione umana si concretizza in pratica in tre ambiti: sintatticamente(la logica matematica); semanticamente(la filosofia della scienza); pragmaticamente(la psicologia); ovviamente questi tre confini (Matematica, Filosofia e Psicologia) non sono definibili con assoluta esattezza, ma ci fanno comprendere almeno il campo vastissimo con cui abbiamo a che fare quando parliamo di comunicazione umana (Vodafone,.... ma gli esempi possono essere infiniti) come veicolo di tutte le manifestazioni. Si puo' dire quindi che tutti i comportamenti umani (non ultimo quello economico....) sono "regolati" dalla comunicazione in senso lato. Ma la comunicazione non e' mai a senso unico: lo e', dal punto di vista pragmatico, sempre biunivoca: non bisogna mai dimenticare l'effetto feedback di ogni "messaggio". Quindi possiamo, a mio avviso, dedurre pragmaticamente che ogni comunicazione modifica il comportamento e da questo ne viene condizionata, e cosi' via.....
    Tutto questo per rispondere alla tua domanda se sia possibile modificare le "regole del gioco": si e' possibile, ma solo con la corretta comunicazione, con l'informazione(quella vera), con la conoscenza, con la cultura( e se non e' interdisciplinare, non e' vera cultura), con la non-violenza(grazie Gandhi). L'alternativa e' la violenza....e la storia ce offre di esempi!!!!
    Ripeterli sarebbe follia......vorrebbe dire non aver capito nulla della Storia.
    Non ho nessuna pretesa di aver risposto alle tue numerose e complesse domande, ma almeno per una ci ho provato. Per le altre domande ci sono, in Centrofondi, persone molto, ma molto piu' preparate di me che possono risponderti.
    Ciao, Pino.
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Dom 15 Giu 2008, 23:15

    Suvvia allora, allarghiamo il campo fino alla 'mia' com-unic-azione in-Te-grata e sveliamo quale versione storica di 'Dio' stiamo intanto producendo. E, soprattutto, sveliamo qual è la guerra ontologica più essenziale che si combatte, dietro le altre sua facce più esteriori. Nel gioco storico al quale alludo, Vodafone non è affatto uno qualunque fra infiniti esempi, è un attore protagonista che ha un peso rilevante, misurabile in termini economici e analizzabile in termini semantici. In questo senso, occorre mappare le linee 'portanti' della rete dei fenomeni, individuarne la comune linea del divenire, il credo implicito ed il relativo 'dio'. Michel Foucault, anche in relazione allo strutturalismo, parlava di visibilità e di enunciati e di una microfisica del potere, ma affermava altresì che gli enunciati si distribuiscono in uno spazio di rarità, di fatto e di diritto. In ragione di una tale prospettiva non è pertinente un'analisi di profondità, è richiesta piuttosto una geografia delle forze che le legga e le veda in modo sintetico ed efficace. E, visto l'andazzo, una tale geografia è richiesta con urgenza per 'lanciare' il 'dio' che da essa eventualmente sleghi. La versione più 'gradita' di Dio è la base dei processi storico-culturali e politici; esplicitamente o implicitamente.
    Ecco perché destra e sinistra politiche esistono in modo fittizio e convergono entrambe al centro. Il potere è del centro e la sua 'gestione' passa di , così come dalla versione dominante che se ne impone, passa la storia concreta e quotidiana. La guerra più essenziale è quella per imporre la versione vincente del centro. Combatterla, vuol dire identificarne le versioni e schierarsi per una di esse. In caso contrario si dà legittima passiva adesione più o meno consapevole. Pertanto, ribadisco, in questa R&S occorre stabilire nessi, non parlare sulle o dentro le cose, ma scovare in esse quello che Mircea Eliade chiamava il dio-che-lega, il loro comune denominatore. E, una volta trovato, partecipare al di lui culto o ripensarne la visione e la versione.
    Il problema resta quello posto nel '66 da Martin Heidegger nella famosa intervista al tedesco specchio, nonostante il discorso di rettorato sullo spirito del '33 e ciò che ne è conseguito. Tuttavia, il problema non è che "soltanto un dio ci potrà salvare" come Heidegger disse, ma quale dio ci potrà eventualmente salvare. E da questa storica questione, non si esce, nemmeno con la severiniana salvezza già eternamente raggiunta. La Storia, per ora, rimane. E rimangono le reti di cui vado dicendo ed alla cui 'tessitura' si è qui invitati a lavorare.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Lun 16 Giu 2008, 13:19

    Caro Verygod, Per necessita’ ho dovuto interessarmi anche di medicina…..e trovandomi davanti a fatti inspiegabili, a motivo della ristrettezza mentale della classe medica, ho cercato di analizzare un po’questi fatti: ho riscontrato due errori (orrori) da parte della scienza (medica) 1)La medicina ufficiale ha tanto studiato l’individuo malato che ha dimenticato (sic) l’esistenza dell’individuo sano. 2) Nello studiare la malattia ha scambiato i sintomi per le cause. Da questi due errori/orrori fondamentali ne è derivato un terzo che in pratica risulta devastante: l’arroganza (ignoranza) della classe medica che si erge come un muro invalicabile.

    Questi due errori vengono ripetuti a piè pari anche nella scienza economica(e non solo): ha tanto studiato il sistema vigente(malato) che ha dimenticato(scientemente o no) che esiste un’economia sana.

    Sappiamo tutti che la causa vera di questo sistema economico e’ la nostra ignoranza in materia: testardamente ricerchiamo il colpevole come fosse la causa!

    Il virus non e’ la causa delle malattia ma il profittatore di uno stato di malattia, di uno stato di deficienza immunitaria. (L’uomo all’altro uomo e’ lupo!). E’ inutile e dannoso combattere il virus!

    Se ne deduce che la malattia prima va “capita” e poi, una volta individuatane la vera causa, va curata.

    La vera causa di questi errori risiede nell’animo umano e trova la sua linfa vitale in queste semplici constatazioni: 1)E’ piu’ facile arrabbiarsi che mantenere la calma; 2)E’ piu’ facile fare la guerra che mantenere la pace;3)l’essere umano cerchera’ sempre la via della minore resistenza….Dio dell’inerzia, dove sei?

    Non e’ La rete(o le reti) la causa del male, ma il background culturale che ne permette l’esistenza!

    Ciao, Pino
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Lun 16 Giu 2008, 15:16

    Se non mostri le reti ed il loro senso, non puoi curare il male ed eventualmente modificare il background culturale.
    Se poi, nietzchianamente, la cura si riveli peggiore della malattia, questo fa ahinoi parte del gioco.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Lun 16 Giu 2008, 17:56

    L'importante e' aver chiaro in mente che le reti sono parte integrante dell"insieme" dei sintomi e non la causa della malattia, ed e' strategicamente errato combattere i sintomi.....e' l'unico linguaggio che conosce il corpo, "Il sistema malato", per "gridare aiuto", per comunicare il suo stato di disagio.....pena il fallimento! e non credo che abbia molto senso iniziare una lotta che si sa gia' persa in partenza!
    La medicina (come il sistema economico) sta per implodere a causa di questo(ma non solo di questo) errore/orrore di fondo(vedi il ricorso sempre piu' intenso alle medicine alternative, vedi l'adesione sempre piu' consistente ad iniziative come lo Scec, ecc...).
    Sul sito di Centrofondi c'è una frase illuminante di Bukminster Fuller, frase che sgorga da un pensiero ancora piu' illuminante, di Giordano Bruno:"Che mortificazione....chiedere a chi ha il potere di riformare il potere! Che ingenuita'!".
    Ciao, Pino.
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Lun 16 Giu 2008, 18:05

    Infatti la strategia che qui si segue non è del Tutto ingenua.
    Dopodiché ogni guerra è ahinoi, come tale, già persa in partenza.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Lun 16 Giu 2008, 18:48

    Caro Verygod, io sono qua ad ascoltare gli elaborati della tua fucina mentale, nella consapevolezza che, come dice il caro Marco, "tutti abbiamo bisogno di tutti", oggi piu' che mai!
    Sappi sin d'ora che il tuo apporto sara' prezioso per tutti noi. Grazie!
    Dovevo accorgermene prima che sei Torinese; allora, se nel tuo girovagare ti trovi da queste parti, un po' di sole non te lo neghera' nessuno!
    Ciao, Pino
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Mar 17 Giu 2008, 10:05

    Ciao Verygod, a proposito di "reti", ti segnalo, ove occorresse, il libro di Sigismondo Panvini "Geometria del male", ediz. Il Punto D'Incontro.
    Ciao, Pino.
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Un D-uro nocciolo

    Messaggio Da verygod il Mar 17 Giu 2008, 11:55

    Ciao Pino,
    grazie per la segnalazione, ma l'ideale qui è portare un contributo inserendo direttamente una 'chiave' sintetica del discorso che si vuol fare. Come tento di fare io, si dovrebbero estrapolare passaggi essenziali dell'argomento che si intende segnalare e farne una sintesi più o meno 'artistica' ed evocativa. L'approccio in corso d'opera è quello di stringere gli argomenti al loro nocciolo 'duro', di legarli alla rete del loro senso più essenziale (del loro implicito 'dio' e del suo 'credo') dopodiché di provare a muovere una critica costruttiva al dio corrente, prefigurandone uno diverso. Tutta una shumpeteriana d-istruzione creatrice...
    Logisticamente dobbiamo ancora organizzare con 'l'amministratore' il modo più adatto di gestire gli inserimenti. Mi pare comunque chiaro che non è opportuno concepire la cosa come uno scambio di corrispondenza fra due o più interlocutori, per di più in termini di 'avvisi importanti'. Se può risultare simpatica la formula provvisoriamente assunta dal cappello che apre il diario dell'assurdo, il capello stesso finirebbe col diventare lo spazio d'incontro di qualche intimo o di ripetersi come una serie di off-topics non so quanto funzionali. Ci sto riflettendo ma, anche con riferimento ad una eventuale futura versione in più ricca veste di cui questa sarebbe la 'brutta copia', occorre che gli inserimenti si integrino ad hoc nel contesto, in modo da costruire una rete di insiemi coerenti che conducano gradualmente ad una visione unitaria complessiva (Appunto il 'dio' corrente).
    Datemi un punto e solleveremo il Tutto... Curiosa CO-incidenza e-di-toriale no?
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Mar 17 Giu 2008, 14:26

    Leggi "Nexus Italia"? Sul n.70(ott-nov 2007) c'è un articolo dello stesso autore "la tela del ragno": la diffusione mafiosa(3° capitolo di Geometria del male).
    Curiosa coincidenza, si.....segni dei tempi dell'implosione?
    Ciao, Pino.
    P.S.: nessuno vieta a nessuno di intervenire nei dibattiti ....in attesa di uno spazio piu' consono.
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Mar 17 Giu 2008, 17:56

    Di questa geometria occorre appunto dare consona visione nel qui presente 'quadro'.
    Non colgo però il senso del tuo P.S.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Gio 19 Giu 2008, 10:20

    Il P.S. si riferisce alla tua frase.." Mi pare comunque chiaro che non è opportuno concepire la cosa come uno scambio di corrispondenza fra due o più interlocutori": semplicemente dovevo inserirlo prima senza P.S., tutto qui.
    Ciao, Pino.
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Gio 19 Giu 2008, 11:29

    Caro Pino,
    forse non ci siamo capiti. Non è questione di divieti, ma semplicemente della struttura e della logica di questo diario. I graditi interventi di chi è interessato a commentare dovrebbero essere inseriti, non in un cappello al diario stesso come avvisi importanti, altrimenti avremmo il diario + un cappello autonomo off-topic: due cose diverse che, qualora la seconda si moltiplicasse come tale, non potrei più gestire. Gli avvisi parrebbe più opportuno lasciarli a chi gestisce l'argomento ed è invece interessante che i commenti rispondano ad un post specifico arricchendone così il contenuto. In questo modo ciascuno potrebbe anche esercitare il suo approccio 'artistico' ad hoc sia nel riportare che nel vedere le cose. Ad esempio, nel caso della tua segnalazione riguardo all'articolo sulla "geometria del male", ho provveduto io a richiamarlo nel post 70 in modo da integrarlo in un determinato passaggio del diario. Ovviamente in questo caso ho inserito il tuo commento dove ho ritenuto opportuno farlo, ma, qualora l'avessi postato direttamente tu, avresti potuto agganciarlo là dove ti sembrava più vicino o in simbiosi con qualcosa di scritto da me o da altri commentatori.
    Questo tipo di approccio dovrebbe permettere al diario di assumere una forma ologrammatica che dal microcosmo di Verygod, a poco a poco e di 'follia in follia', apre al macrocosmo dei partecipanti. Un mosaico spazio-temporale che ruota attorno allo stesso comune centro dunque e che lo rappresenta in molteplici diverse sfaccettature fra loro legate come in un unico cristallo.
    Spero di avere reso l'idea di quanto volevo esprimere e quindi anche il senso delle mie osservazioni.
    Buona giornata
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Gio 19 Giu 2008, 12:40

    La creativita' si sviluppa solo lontano da coercizioni o condizionamenti: e allora per adesso lasciamo fluire naturalmente la cultura che ti e' propria, che mi e' propria, che e' propria di ognuno di noi, poi successivamente si cerchera' di incanlarla, instradarla nei mille rivoli del sapere(il diario/ologramma da te iniziato sia chiaro che e' molto complesso.....e gli interventi .....purtroppo..... non si sprecano!); quindi diamo tempo al tempo.....e vediamo cosa succede. Ogni "digestione" di idee nuove, di approcci culturali nuovi come il tuo, ha bisogno di "tempi" di accomodamento.
    Ciao Verygod.
    Pino
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Gio 19 Giu 2008, 16:59

    Sembra un peccato perdere l'occasione... Comunque, staremo a vedere.
    Intanto dichiaro simbolicamente 'sospeso' il cappello ed invito tutti a cor-rispondere sul diario.
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Gio 19 Giu 2008, 20:05

    In una cordata c'è un primo ed un ultimo: l'importante e' arrivare tutti in cima, prima o poi!
    ...e con questo fine il compito del primo non e' uguale a quello dell'ultimo: e' importante sapere, ma forse e' piu' importante far sapere....ed e' proprio qui che la comunicazione diventa arte(arte di far sapere).
    Grazie per tutto quello che fai e che farai.
    Pino
    verygod
    verygod

    Numero di messaggi : 129
    Età : 60
    Località : torino
    Data d'iscrizione : 11.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da verygod il Gio 19 Giu 2008, 22:39

    Pino,
    passa subito all''assurdo'....88 e 89, tanto per incominciare...
    pinodd
    pinodd

    Numero di messaggi : 926
    Età : 72
    Località : Caprarica di Lecce
    Data d'iscrizione : 09.06.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da pinodd il Ven 20 Giu 2008, 00:58

    Sara' nel dominio dell'assurdo che troveremo le risposte che cerchiamo? Non ho esperienze in merito....ma Cristo e Buddha alla domanda sulla natura della verita' e della realta' risposero allo stesso modo: con un sereno e tranquillo silenzio! ....e uno dei due che fecero la domanda era Ponzio Pilato.
    Pino.
    nelda
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 75
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da nelda il Ven 04 Lug 2008, 02:49

    Sono "ateo" (?) come posso
    essere vegetariano o radiologo, ma:


    Tu sai che non conosci molte cose e sai che
    molte cose non te le spieghi. le cose che non conosci non fanno parte della tua
    vita; le cose che non ti spieghi spesso precipitano nel limbo del tuo cervello,
    ma continui a "sentire"
    che esistono.


    E, così, senti e sai che c'è una
    "cosa" che è al di fuori della vita quotidiana. Quasi sempre non ti
    soffermi su di essa, lo fai solo in momenti particolari e sempre più rari nella
    concezione attuale della vita vissuta. Diventa un "buco nero" carico
    di energia inaudita che comunemente risolvi con la parola DIO.


    Ma quando il tuo cervello non vuole prendere
    questa comoda scorciatoia, cerchi altre soluzioni ed allora "senti"
    che inizi a vivere realmente , che ti accosti ad una grossa incognita che fa
    parte della tua esistenza interiore. Senti che questa incognita
    "esiste" ed è una "forza" segreta che gioca un ruolo
    primario nell'Universo. In quei particolari momenti, magari nel silenzio di una
    serata d'estate,lontano dal rumore della vita quotidiana,senti che "qualcuno" te ne parla. Chi è ?.
    Lo saprai mai? Non ha importanza. Senti che è un narratore "unico" la
    cui individualità muta e si rinnova; la cui voce riprende di messaggio in
    messaggio. E' una voce che ti giunge quando interrompi una lettura ed alzi gli
    occhi in alto a destra, non per disinteresse verso ciò che stai leggendo , ma,
    al contrario, per seguire un'altra "lettura", fatta dall'affluire
    ininterrotto di idee, di associazioni, di stimoli.


    Allora ti accorgi che quel
    "qualcuno" sta con te ed
    è soltanto un supporto parsimoniosamente prestato ad una vibrazione
    mobilissima, appena "legata", che va da un luogo all'altro, da un
    oggetto all'altro, da un ricordo all'altro.


    E' una vibrazione non localizzata, ma tuttavia sempre presente, da qualche parte,
    intorno a te, dietro di te, al tuo fianco, ma mai davanti a te. Ti sfiora e se
    ne va, come una carezza furtiva. Non è mai immobile, perchè non cessa mai di
    "passare".


    Il "tempo" che la vibrazione
    manifesta è sempre un tempo sereno, non è mai minacciato , esso diventa
    "sostanza" simbolica della vita umana che non conosciamo , ma
    che" sentiamo" ed allora il concetto umano della "morte
    "sembra che si diluisca e svanisca in questo "tempo" simbolico ,
    ma che "sentiamo" più vero, più pieno, più tranquillo.


    All'origine dell'uomo c'è sempre un grido ed
    alla sua fine sempre un silenzio ,tra questi due momenti si svolge il tempo
    fragile della "vibrazione" che può tentare di divenire
    "parola": sostanza fluida che fluttua, carezza spesso perduta, da
    riconquistare.


    La vibrazione rimane, nel "tempo"
    della vita fisica, alla superficie delle cose: la superficie è il suo regno.
    Superficie come "situazione", non come qualità.


    Situazione superficiale degli oggetti, dei
    paesaggi, persino dei ricordi, che è anche "terrena". Un mondo visto a livello di terra, senza alcun
    sentimento di "elevazione" o di "potenza" nei confronti
    delle "cose".


    Il tempo ,per incanto, diventa il
    "presente," qui ed ora, nella sua orizzontalità; la carezza è liscia,
    innocente, quasi infantile e ,con essa, la superficie delle cose si mette a
    vibrare, a fluttuare lievemente in un rumore sommesso, come quello di una
    macchina che funziona bene, che riscalda il Mondo.


    Il "qualcuno" non si lascia andare
    e non se ne va; sorveglia, combatte, partecipa; ha la stessa energia della
    Fatica e quando la nostra vita sfiora le sue riserve segrete, non si stanca
    mai!


    La "vibrazione" è diventata
    "forza" che sfugge senza posa in "avanti", verso il
    "vuoto"; vuoto non come assenza, ma come il "nuovo" , che
    il Tuo tempo reclama!.....
    nelda
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 75
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da nelda il Ven 04 Lug 2008, 02:57

    Una voce americana…

    Indipendentemente dalle credenze di ognuno
    Dov'era Dio...?

    Alla figlia di Billy Graham, intervistata dalla TV, Jane Clayson ha
    chiesto (a proposito della tragedia delle Twin Towers):
    "Dio come ha potuto permettere che avvenisse una sciagura del
    Genere?"
    Anne Graham ha dato una risposta estremamente profonda ed intelligente:
    "Io credo che Dio sia profondamente rattristato da questo, proprio
    come lo siamo noi, ma per anni noi gli abbiamo detto di andarsene dalle
    nostre scuole, di andarsene dal nostro governo, di andarsene dalle
    nostre vite. Ed essendo Lui quel gentiluomo che è, io credo che Egli con calma
    si è fatto da parte. Come possiamo aspettarci che Dio ci dia la Sua
    benedizione e la Sua
    protezione se Gli diciamo: "lasciaci soli"?
    Considerando i recenti avvenimenti... attacchi terroristici,
    sparatorie nelle scuole...
    ecc., penso che tutto sia cominciato quando Madeline Murray O'Hare (è
    stata assassinata, il suo corpo è stato trovato recentemente) ha detto
    di non volere alcuna preghiera nelle nostre scuole, e le abbiamo detto OK.
    poi qualcuno ha detto: "è meglio non leggere la Bibbia nelle
    scuole"... la Bibbia
    dice Tu non ucciderai, Tu non ruberai, ama il tuo
    prossimo come te stesso... e noi gli abbiamo detto OK.
    Poi, il dottor Benjamin Spock ha detto che noi non dovremmo
    sculacciare i nostri figli se si comportano male perché la loro
    personalità viene deviata e potremmo arrecare danno alla loro auto-stima
    (il figlio del dottor Spock si è suicidato), e noi gli abbiamo detto:
    "un esperto sa
    di cosa sta parlando", e così abbiamo detto OK.
    Poi, qualcuno ha detto che sarebbe opportuno che gli insegnanti e
    i presidi non punissero i nostri figli quando si comportano male, e noi
    gli abbiamo detto OK.
    E gli amministratori delle scuole hanno detto: "sarebbe
    meglio che nessun membro della scuola tocchi un alunno quando si
    comporta male perché non vogliamo nessuna cattiva pubblicità e non vogliamo
    essere citati in giudizio" (c'è una bella differenza tra disciplinare e
    toccare, picchiare, umiliare, prendere a calci ecc.). E noi abbiamo detto OK.
    Poi, qualcuno ha detto: "permettiamo alle nostre figlie di
    abortire, se lo vogliono. e senza dirlo ai loro genitori". E noi abbiamo
    detto OK.
    Poi, qualche saggio membro del consiglio didattico delle scuole ha
    detto: "siccome i ragazzi sono sempre ragazzi e lo faranno in ogni caso,
    concediamo loro tutti i preservativi che vogliono. cosicché possano
    divertirsi quanto vogliono, e non dovremo neanche dire ai loro genitori
    che li hanno ricevuti a scuola", e noi abbiamo detto OK.
    Poi alcuni dei nostri amministratori più importanti hanno detto:
    "Non è importante ciò che facciamo in privato, purché facciamo il nostro
    lavoro", e d'accordo con loro, noi abbiamo detto "Non importa ciò
    che, chicchessia, incluso il Presidente, fa in privato,
    fintanto che io continuo ad avere un'occupazione e l'economia va bene".
    E poi qualcuno ha detto: "Stampiamo riviste con fotografie di donne nude
    e chiamiamo tutto ciò "salutare apprezzamento per la bellezza del corpo
    femminile". E noi gli abbiamo OK.
    E poi qualcun altro è voluto andare oltre
    ed ha pubblicato delle immagini di bambini nudi, e poi è andato avanti
    rendendole disponibili su internet. E noi abbiamo detto: "OK, questo fa
    parte della libertà d'espressione".
    E poi l'industria del divertimento ha detto: "facciamo dei
    programmi TV e dei film che promuovano il blasfemo, la violenza e il
    sesso illecito. E registriamo musica che incoraggia lo stupro, le
    droghe, l'omicidio, il suicidio e i temi satanici". E noi abbiamo detto:
    "è solo divertimento, non ha effetti negativi, per cui continuate così".
    Ora ci chiediamo come mai i nostri figli non hanno coscienza e non
    sanno distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. E perché non
    gliene importa niente se ammazzano estranei, compagni di classe o se
    stessi.
    Probabilmente, se ci pensiamo bene, possiamo trovare una
    spiegazione. Io penso che abbia molto a che fare con: "noi raccogliamo
    ciò che abbiamo seminato".
    DOMANDA:
    "Caro Dio, perché non hai salvato la piccola bambina che è stata
    uccisa nella sua classe? Distinti saluti... uno studente preoccupato."
    E LA RISPOSTA:
    " Caro studente preoccupato, non sono ammesso nelle vostre scuole.
    Distinti saluti, Dio".
    Buffo com'è semplice per la gente gettare Dio nell'immondizia e
    meravigliarsi perché il mondo sta andando all'inferno.
    Buffo come crediamo a quello che dicono i giornali, ma contestiamo
    ciò che dice la Bibbia .
    Buffo come tutti vogliono andare in Paradiso, ma al tempo
    stessovogliono credere, pensare e non vogliono fare niente
    di ciò che dicono la Bibbia e i Vangeli tutti i Testi Sacri,
    Buffo come qualcuno può dire: "credo in Dio", per
    poi seguire satana, il quale - a proposito - anche lui "crede" in Dio.
    Buffo come facciamo in fretta a giudicare, ma non altrettanto ad
    accettare di essere giudicati.
    Buffo come si mandino migliaia di barzellette via e-mail che si
    propagano come un incendio, ma quando cominci a mandare messaggi che
    riguardano il Signore, le persone ci pensano due volte a scambiarseli.
    Buffo come tutto ciò che è indecente, scabroso, volgare e osceno
    circoli liberamente nel cyberspazio, mentre le discussioni pubbliche su
    Dio siano state soppresse a scuola o sul posto di lavoro.
    Buffo come qualcuno può infervorarsi tanto per Cristo la domenica,
    mentre, di fatto, è un cristiano invisibile durante il resto della
    settimana.
    Stai ridendo?
    Buffo che quando inoltri questo messaggio tu non ne dia una copia
    a molti di quelli che sono nella tua lista degli indirizzi perché non
    sei sicuro del loro credo o di che cosa penseranno di te per il fatto di
    averglielo mandato.
    Buffo come posso essere più preoccupato di ciò che pensa la gente
    di me, piuttosto che di ciò che Dio pensa di me.
    Stai pensando?
    Questa pagina passala ad altri, per e-mail o fotocopia se pensi che lo
    meriti, altrimenti semplicemente buttala, nessuno saprà mai che lo hai
    fatto. Ma se la butti o cancelli, allora non accasciarti sulla sedia a
    contemplare in che situazione miserabile si trova il mondo oggi!

    Contenuto sponsorizzato

    Se vi e' un Dio..... Empty Re: Se vi e' un Dio.....

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar 19 Nov 2019, 01:10