Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...

Navigazione

Ultimi argomenti


    LA FESTA DEL NATALE E LA MISSIONE DEL CRISTO

    Condividi
    avatar
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 74
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    LA FESTA DEL NATALE E LA MISSIONE DEL CRISTO

    Messaggio Da nelda il Ven 26 Dic 2008, 03:05

    LA FESTA DEL NATALE E LA MISSIONE DEL
    CRISTO

    by Gabriele Bertani (25/12/2003 - 10:32)

    Oggi in tutto il mondo si
    festeggia il Natale, che rappresenta simbolicamente la nascita di Gesù Cristo.
    Simbolicamente perchè, come già accennato, la data di nascita di Gesù è
    sconosciuta e viene celebrata il 25 Dicembre per convenzione. C'è tuttavia una
    motivazione profonda che sta dietro la scelta di una data prossima al solstizio
    d'Inverno. Questo periodo dell'anno rappresenta il momento in cui le tenebre
    sono al massimo della loro espressione (la notte più lunga dell'anno coincide
    con il solstizio), ma anche il momento in cui le ore di luce cominciano ad
    aumentare e le giornate ad allungarsi progressivamente. Questo si ricollega ai
    significati delle celebrazioni solstiziali delle religioni pre-cristiane, ma
    anche in modo specifico al significato della missione del Cristo sulla Terra.
    Secondo il Cristianesimo esoterico, infatti, nella persona di Gesù Cristo si è
    incarnato il Logos solare, forza primaria e decisiva in funzione dell'evoluzione
    dell'umanità. Già le antiche religioni pre-cristiane avevano previsto questo
    evento e il suo significato, e quindi l'avvento del cristianesimo dovrebbe
    essere visto come la logica evoluzione delle religioni precedenti e non come una
    contrapposizione ad esse. Questo, naturalmente, da un punto di vista esoterico,
    mentre le Chiese exoteriche, fortemente influenzate dalla mentalità di un'epoca
    dove le forze contro-evolutive sono al massimo della loro attività, pongono
    l'accento sulle divisioni e i contrasti. Tornando al Cristo, la sua missione è
    appunto connessa al fatto che l'umanità aveva ormai raggiunto il punto di
    massima penetrazione nel mondo fisico-materiale nel corso di un processo di
    involuzione dai piani spirituali a quello fisico (definito come "caduta" nei
    testi religiosi), e che senza l'apporto della forza del Logos solare non avrebbe
    potuto interrompere questa "caduta" per ritornare gradualmente ai mondi
    superiori attraverso un processo inverso di evoluzione. Con l'evento del
    Golgotha la forza del Logos si è connessa con la Terra, ed ora l'umanità ha la
    possibilità di riprendere l'evoluzione. Per questo il Cristo è il "Salvatore", e
    per questo la sua figura è qualcosa di molto diverso da quella di un uomo
    altamente evoluto o di un iniziato. Su questo tema la Scienza dello Spirito ha
    detto molte cose interessanti e talvolta sorprendenti, e pertanto torneremo a
    parlarne in futuro.

    http://fohat.blog.dada.net/post/54122/

      La data/ora di oggi è Lun 10 Dic 2018, 23:06