Saperi negati

Raccolta di Scienze, Saperi e Pensieri negati ai più dal Potere e non solo da quello...


    IL POTERE CURATIVO DELLA MUSICA

    nelda
    nelda

    Numero di messaggi : 524
    Età : 75
    Località : genova
    Data d'iscrizione : 03.07.08

    IL POTERE CURATIVO DELLA MUSICA Empty IL POTERE CURATIVO DELLA MUSICA

    Messaggio Da nelda il Lun 11 Ago 2008, 20:33

    IL POTERE CURATIVO DELLA MUSICA
    Musica, stress e benessere

    Filippo Massara

    APSIS - IL TOCCO - CAREZZE MUSICALI PROFONDE
    è il CD dell'etichetta Pharmasound, creata da Filippo Massara, realizzato per un nuovo modo di ascoltare la musica: trasformare il corpo in un "diapason vivente", in una struttura che vive risuonando, sotto l'effetto dei suoni che avvolgono la pelle, la carne, l'esterno e l'interno.
    info: Filippo Massara, editore Ludi Sounds, 347-9695801
    www.ludisounds.net/apsis.html

    La musica apre,
    nel corpo dell'uomo,
    una fessura da cui l'anima esce
    per fraternizzare.
    (Milan Kundera)

    Nell'ultimo ventennio medici, psicologi, musicoterapeuti, si sono trovati d'accordo nell'affermare che se interrompessimo la nostra giornata lavorativa con due brevi momenti (10/15 minuti ciascuno) dedicati all'ascolto di particolari musiche, accompagnato con alcuni semplici esercizi respiratori e mentali, saremo in grado di accettarci meglio e accetteremo meglio gli altri, vivremmo in poche parole a livelli di stress molto più bassi e accettabili.
    Il noto musicoterapeuta francese Jacques Jost nel proporre degli spazi di ascolto della musica proprio per i suoi effetti sedativi oltre che dinamizzanti, afferma che paradossalmente queste tecniche musicali anti-stress, come profilassi e prevenzione al sovraffaticamento, sono troppo poco sviluppate in considerazione del fatto che si tratta di metodologie molto piacevoli e di facile utilizzo. "La musica-dice Jost- aiuta a eliminare progressivamente stati di nervosismo di ansia, di angoscia, difficoltà di ordine psicosomatico, come cefalee, stanchezze nuscolari, forme asmatiche e ansiose, e così via.”
    L'ascolto di una musica appropriata, accompagnata da una serie di esercizi di respirazione e di visualizzazione immaginativa, ci consente innanzitutto di rallentare alcuni ritmi vitali con la conseguenza di migliorare la percezione del nostro corpo, che a poco a poco diventa in grado di sentire il passaggio dallo stato di malessere a quello di benessere e quindi controllare quello che possiamo chiamare il "nostro insieme tonico-emotivo". Si sviluppa così un nuovo sentimento di sicurezza interiore che facilita la comunicazione interpersonale (così difficile quando siamo stressati ) e la rende autentica.
    La musica diventa anche un mezzo per recuperare la capacità di essere noi stessi e non quelli che cerchiamo di essere. Questo riconquistato controllo di base del nostro benessere fa nascere in noi una nuova disponibilità verso i messaggi che ci giungono dall'esterno.
    Come riassume molto bene il cardiologo e musicista Giovanni Ansaldi, autore di un prezioso libretto di introduzione all'ascolto della musica : "L'energia della musica trasmette l'energia della vita".

    Filippo Massara
    titolare dell'etichetta musicale Ludi Sounds, proveniente da una famiglia di musicisti, ha iniziato il suo rapporto con i suoni, facendo ancora giovanissimo teatro sperimentale d'avanguardia a Torino 52 anni fa. Ha lavorato poi all'allora nascente Rai, occupandosi di musica ed emozioni, sotto l'effetto di un testo teatrale che doveva essere amplificato dalla musica là dove le emozioni dovevano essere corrette, modificate o amplificate. Ha lavorato poi per la Radio svizzera italiana per ca. 15 anni, scrivendo testi per loro, ma sempre legati al concetto di musica e suono, uso della voce, e importanza dell’uso della voce al di là del significato stesso delle parole.
    In collaborazione con neuroscienziati, endocrinologi, medici e naturopati, ha messo a punto il percorso che ha denominato “Il grembo armonico”, che grazie alla musica e alle ultime scoperte nell’ambito delle neuroscienze prenatali, consente, attraverso un percorso specifico, di precocizzare il rapporto madre/bambino e di migliorare lo sviluppo cerebrale prenatale. La sua ricerca dedicata allo studio del rapporto tra musica e vita intrauterina, è supportata anche da esperimenti svolti in un noto ospedale italiano, di cui Filippo Massara è consulente tecnico: la sua ricerca e gli studi a livello mondiale sull'importanza del "nutrimento musicale" nella fase prenatale e postnatale non lasciano dubbi, la musica è un elemento molto importante per lo sviluppo dei neonati e dei bambini. Le due sale del Reparto Neonati del Presidio ospedaliero Macedonio Melloni di Milano, sono state dotate di apparecchiature per la diffusione costante, ma programmata a seconda delle esigenze delle diverse fasi della giornata, di musiche ora rilassanti, ora stimolanti, ora facilitanti il sonno dei neonati.
    L’iniziativa, studiata e organizzata dal Dott. Guido Moro, responsabile del Reparto Neonati con la consulenza tecnica di Filippo Massara della Ludi Sounds, ruota intorno al binomio NEONATI/MUSICA, prevede anche che ogni madre, al momento di lasciare l’ospedale, riceva in dono una cassetta musicale contenente melodie, sonorità e canzoni appositamente combinate in modo da assecondare i diversi momenti della quotidiana vita domestica dei loro piccoli.
    Nel 2004 Filippo Massara è stato relatore al Congresso organizzato dal Circolo Culturale L?Albero Sacro di Rio Saliceto (Reggio Emilia) “Medicine e Percorsi Interiori", e la sua relazione qui, verteva appunto sulla musica e il canto come strumento pre-e post natale per nutritre il sistema in formazione della neurocerebralità emotiva dei piccolissimi e poi dell'adulto.
    La Ludi Sounds ha anche prodotto una collana dal titolo "Musiche e Voci dei Popoli da Salvare", una iniziativa editoriale uscita quasi una ventina di anni fa ma sempre attuale, con la quale ha voluto compiere un gesto di giustizia culturale comunicando al mondo che ama definirsi civile la situazione di sopraffazione a cui spesso queste civiltà sono sottoposte nell'indifferenza quasi totale.Questi lavori, sono documenti sonori eccezionali e rari , che intendono far conoscere fuori dal ristretto giro degli specialisti questi popoli attraverso la loro musica il loro linguaggio i rapporti con la natura e la spiritualità.
    Da non dimenticare sono pure le sue interessanti ricerche nell'ambito delle varie sonorità dalla natura: gli ambienti (campagna, bosco, montagna ecc.) registrati nelle varie stagioni dell'anno, e i richiami degli animali (di campagna, marini, rapaci ecc) . Raccolte sonore che vogliono essere materiale educativo per imparare a conoscere l'ambiente "vivente e parlante" che ci circonda, ma anche delle vere e proprie sedute terapeutiche. Come afferma appunto Massara: "Per ritrovare l'armonia interiore ed esteriore spesso non sono necessarie medicine o sedute psicoterapeutiche, ma basta semplicemente distendersi in campagna, in riva al mare, in una foresta e mettersi in contatto, per mezzo di tutto il corpo, con le voci della natura, con le acque (ruscelli, piogge, onde marine) con i canti degli uccelli, col vento e con tutti i suoni naturali che riusciamo a percepire. Questi suoni, questa musica ci ricollegherà con l'Universo e con la parte più profonda di noi: queste vibrazioni ci guariranno."

      La data/ora di oggi è Gio 14 Nov 2019, 22:27